LUNEDÌ 13 APRILE 2015, 000:01, IN TERRIS

GIAPPONE, SESSO A PAGAMENTO CON 12MILA DONNE: EX PRESIDE ARRESTATO PER PEDOFILIA

L'uomo si recava nelle Filippine, le sue accompagnatrici andavano dai 13 agli oltre 70 anni

AUTORE OSPITE
GIAPPONE, SESSO A PAGAMENTO CON 12MILA DONNE: EX PRESIDE ARRESTATO PER PEDOFILIA
GIAPPONE, SESSO A PAGAMENTO CON 12MILA DONNE: EX PRESIDE ARRESTATO PER PEDOFILIA
Confessione shock di un preside giapponese: ha dichiarato di aver fatto “sesso a pagamento” con 12 mila donne. La cosa, già controversa di per se, è aggravata dal fatto che queste erano di ogni età, dai 13 agli oltre 70, durante le sue ripetute visite nelle Filippine effettuate nell’arco di 25 anni. L’uomo, riporta la Cnn sul suo sito, è stato poi arrestato per pedopornografia dopo che la polizia ha sequestrato quasi 150mila foto tra cui alcune che ritraevano atti osceni con una ragazza di 13-14 anni in un albergo di Manila.

Yuhei Takashima – questo il nome dell’ex insegnante oggi 64 enne – aveva raccolto in maniera meticolosa il materiale fotografico in oltre 400 album. Alla polizia ha riferito di aver iniziato a pagare per fare sesso dal 1998, quando andò a lavorare in una scuola giapponese proprio a Manila. Finita la sua permanenza professionale sul posto, durata ben tre anni,  l’uomo ha detto di essere tornato spesso in vacanza nella Filippine proprio allo scopo di “comprare sesso”.

Intanto la polizia evidenzia che il caso Takashima è sotto inchiesta dal 2013 e l’incidente per il quale è stato arrestato si presume che risalga al gennaio 2014. Se la notizia è già inquietante di per sé, lo è ancora di più se si pensa che l’uomo è stato prima insegnante e poi preside, sia di scuole medie che superiori. Infatti le autorità scolastiche di Yokohama, la città giapponese di Takashima, hanno spiegato che l’uomo è diventato un insegnante di scuola media nel 1975 e fu mandato a lavorare nella scuola di Manila tra il 1988 e il 1991. È stato poi preside di una scuola media superiore dal 2008, fino alla pensione nel 2011.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il logo di Confindustria
CONFINDUSTRIA

"Il Pil cresce, Italia al bivio dopo il voto"

Il Centro studi rivede al rialzo le stime del 2018 ma avverte: "C'è il rischio arretramento"
Dia
CAMORRA

Arrestate quattro donne nel napoletano

L'indizio nei loro confronti è di delitto di ricettazione aggravata
Donna abusata

Stupri: chi non condanna è complice

Un nuovo efferato stupro ai danni di una donna italiana. Legata con filo telefonico, è stata violentata ad Asti...
Rex Tillerson
CRISI COREANA

Tillerson apre a Pyongyang

Il segretario di Stato: "Disponibili a colloqui ma serve un periodo di tranquillità"
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
Ryanair
LA MOBILITAZIONE

Ryanair, altolà ai dipendenti: "Sanzioni se scioperate"

Lettera del capo del personale ai piloti italiani: "Attenetevi ai turni previsti"