Gesto shock: cane randagio inzuppato di vernice verde

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:36

Un'immagine straziante quella consegnata all'opinione pubblica da qualcuno che, nel quartiere residenziale di Petaling Jaya, in Malesia, ha fotografato l'agonia di un cane randagio completamente inzuppato di vernice verde, versata su di lui in quantità così elevata da aver provocato in lui un forte principio di avvelenamento. Il cane è stato immortalato in strada mentre vagava in cerca di cibo, solo e in preda alle lacrime per le forti sofferenze provate. A rendere nota la vicenda è stato il ragazzo che si è ritrovata faccia a faccia con l'animale e che, dopo averne notata l'agonia, ha scattato alcune foto, condivise poi sulla sua pagina Facebook per chiedere assistenza e cure: “Chiunque abbia compiuto questo gesto – ha scritto nel suo post -, deve essere un malato di mente. È totalmente disumano pensare di fare cose del genere”.

Indagine in corso

Il post non ha impiegato molto a fare il giro della rete, suscitando ovunque la stessa dose di scandalo e indignazione per il trattamento riservato al povero animale: il cane, infatti, non rischia solo di veder rovinati pelo e pelle ma anche di riscontrare futuri e potenzialmente letali problemi legati all'assunzione di sostanze tossiche che, a quanto sembra, avrebbe parzialmente ingerito. Del cane si occupa al momento la Malaysian Association of Veterinary Pathology (Mavp), la quale ha comunque fatto sapere delle pessime condizioni in cui si troverebbe l'animale. Sarebbe stata proprio la vernice ad aggravare la situazione, in quanto possibile portatrice (anche solo con il suo odore) di nausea, vertigini e fortissime allergie. Le autorità malesi sono intanto alla ricerca della persona (o del gruppo di individui) che si è reso protagonista di un gesto così deplorevole che potrebbe veder attribuita ai responsabili l'accusa di maltrattamento e crudeltà nei confronti degli animali, con possibilità di pene severe. Quelle che hanno chiesto un po' tutti coloro venuti a contatto con le foto del povero cane verde.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.