Genova: scoperti 1.500 “furbetti” del reddito di cittadinanza

L'indagine delle fiamme Gialle è nata per contrastare l'illegalità diffusa nel centro storico di Genova e comprende anche alcuni commerciati

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:41

Pacchia finita per i “furbetti”! La guardia di finanza di Genova ha infatti scoperto oltre 1.500 “furbetti” del reddito di cittadinanza per un danno all’Inps di oltre 3 milioni di euro.

I finanzieri del primo gruppo hanno appurato che a percepire il sussidio erano soprattutto cittadini extracomunitari del centro storico che avevano presentato domanda ai Caf senza avere i necessari requisiti come la residenza e il soggiorno sul territorio nazionale per dieci anni di cui gli ultimi due continuativi.

Gli investigatori, coordinati dalla procura, hanno incrociato le informazioni delle banche dati con quelle della questura e dell’istituto di previdenza. Dalle indagini è emerso che le somme percepite indebitamente ammontano a 3.458.736, somme che proiettate sull’intero periodo di erogazione (18 mesi) sarebbero state pari a 11 milioni e 881.339 euro.

I finanzieri hanno anche scoperto che i beneficiari, invece di acquistare beni di prima necessità, hanno monetizzato l’importo accreditato sulla card emessa dalle Poste, attraverso alcuni commercianti compiacenti dei vicoli.

L’indagine è nata nell’ambito dell’intensificazione dei controlli delle Fiamme Gialle decisi in più riunioni in Prefettura in sede di Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica per contrastare l’illegalità diffusa nel centro storico di Genova.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.