LUNEDÌ 08 AGOSTO 2016, 000:04, IN TERRIS

FUMANO IN GRAVIDANZA PER NON SOFFRIRE AL PARTO

MILENA CASTIGLI
FUMANO IN GRAVIDANZA PER NON SOFFRIRE AL PARTO
FUMANO IN GRAVIDANZA PER NON SOFFRIRE AL PARTO
Nuovo preoccupante trend tra le adolescenti australiane in dolce attesa. Secondo uno studio sui giovani australiani che stanno per diventare genitori, molte adolescenti iniziano a fumare poco dopo scoperta la gravidanza in modo da fare crescere meno il feto. L'idea dietro questa assurda iniziativa è che, più è piccolo il feto, meno sarà doloroso il parto.

E' risaputo che fumare in gravidanza può portare a bambini che pesano 200g meno di quelli di mamme non fumatrici; peccato che, oltre a bimbi miniaturizzati, il fumo può portare a numerose altre complicazioni per la salute del figlio: da un’aumento di probabilità di asma fino alla morte improvvisa. Ma - di fronte allo spauracchio del dolore delle doglie - questi rischi sembra non spaventino le giovani.

Paradossalmente, la pratica sarebbe nata come effetto collaterale delle avvertenze sui pacchetti di sigarette: sarebbe proprio dall’avviso “Il fumo in gravidanza può ridurre il peso del bambino” che le prime adolescenti hanno avuto la brillante idea di mettersi all'opera

“Sono spaventate perché loro sono piccole, e pensano che la cosa peggiore che possa loro capitare sia avere un bambino enorme”, ha spiegato l’autrice dello studio ai giornalisti. “Alcune di loro hanno 16 o 17 anni, e la loro paura principale era ‘Oh mio Dio, avrò un bambino enorme’, e così usavano appositamente le sigarette come medicinale per prevenire ciò. Alcune hanno addirittura iniziato a fumare per la prima volta per questo specifico motivo, altre invece fumavano di più, nella speranza che la ‘promessa’ dei pacchetti venisse mantenuta. L’idea era che se fumavi di più era meglio. Mi ha colpito molto quello che abbiamo scoperto”. Speriamo che i bimbi - le prime vittime dell'immaturità materna - non subiscano danni irreversibili.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Un frame del film
CINEMA

"Augustine", la vita di Sant'Agostino diventa un film

Grande produzione internazionale tra Algeria e Tunisia diretta da Samir Seif
Il sindaco di Cerignola, Franco Metta
CERIGNOLA

Il Sindaco ai malavitosi: "Siete quattro vigliacchi"

Su Facebook la video-denuncia: "Non vi lasceremo questa città, combatteremo fino alla fine"
Olimpiadi 2018 in Corea del Sud
OLIMPIADI 2018

La Corea del Nord cancella i sopralluoghi al Sud

Kim Jong-un annuncia una parata militare l'8 febbraio
Il cantante Bob Dylan
TOUR ITALIANO

Dylan annuncia tre nuove date dopo il tutto esaurito

Genova, Jesolo e Verona le tappe. Biglietti già in vendita
La linea 80 di Milano
MILANO

Aggredito sul bus da adolescenti, reagisce e ne accoltella uno

Il ferito, un 17enne, non è in pericolo di vita
Un particolare dell'arazzo di Bayeux
ELISEO

Dopo 950 anni l'arazzo di Bayeux potrebbe lasciare la Francia

Ritrae la Battaglia di Hastings e racconta la conquista normanna dell'Inghilterra
Un messaggio di posta certificata (Pec)
CODICE DELLA STRADA

Novità: le multe arriveranno via mail

Qualora non fosse possibili, arriverà per posta ordinaria
Grillo e Di Maio
GRILLO - DI MAIO

Appello ai gruppi in caso di scofitta alle elezioni

Il candidato premier del M5S: "No a spartizioni di poltrone o di potere, ma soluzioni concrete ai problemi del Paese"
L'hot spot di Lampedusa
LAMPEDUSA

Migranti: sassaiola contro le forze ordine

Ferito un carabiniere alla testa
Eugenio Scalfari e Carlo De Benedetti

La 'Repubblica' degli stracci

Volano gli stracci tra il fondatore Eugenio Scalfari e l’ex editore Carlo De Benedetti del quotidiano...
Mark Zuckerberg
RIVOLUZIONE FACEBOOK

Zuckerberg argina le fake: "Gli utenti decideranno le fonti migliori"

Grandi cambiamenti per il social: "Cambia il news feed: meno notizie ma più qualità"
STATI UNITI

Un anno di Trump

Dalla flat tax all'incontro col Papa, dalla Corea al Russiagate fino a Gerusalemme: 12 mesi da Tycoon