Frasi oscene sotto le finestre delle suore: ecco quanti anni ha lo stalker

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:09

Quasi due anni di pedinamenti e stalking, appostamenti sotto le finestre di due suore fingendo di parlare al telefono e ripetendo a voce alta frasi volgari e a sfondo sessuale. E’ per questo che un uomo è stato fermato dai carabinieri, denunciato e per lui è scattato il divieto di avvicinamento al convento.

I fatti

Dal 2018 fino a pochi giorni fa, quindi per quasi due anni, l’uomo ha molestato due suore di un convento di Monza, presentandosi tutte le sere, sempre con molta puntualità, sotto la finestra di una o dell’altra suora, pronunciando oscenità e invitando le consorelle ad affacciarsi alla finestra. Oltre a questo, sembrerebbe che l’uomo era solito anche masturbarsi. L’uomo in più di un’occasione aveva anche seguito le suore e si era presentato in chiesa nei loro stessi orari.

La denuncia delle suore

Probabilmente stremate da due anni di “persecuzione” le suore si sono recate dai carabinieri per sporgere denuncia, dichiarando di non averlo fatto prima perché speravano che l’uomo si ravvedesse.

I militari dell’Arma si sono appostati all’interno del convento e hanno colto l’uomo in flagrante; il giudice per le indagini preliminari ha emesso un’ordinanza che ha portato alla misura cautelare per il reato di stalking.

Lo stalker

Fatti che lasciano perplessi, non si capisce come mai, infatti, si possa decidere di perseguitare per due anni una persona, in questo caso due suore, donne che hanno scelto di dedicare la loro vita al Signore e alla Chiesa. Ma quello che lascia ancor più basiti è l’età dello stalker. Infatti, si potrebbe pensare che si tratti della bravata di qualche ragazzo che a causa della giovane età si sia lasciato prendere un po’ la mano.

Ebbene no. In questo caso il molestatore delle suore era un anziano signore di 71 anni, che invece di utilizzare la saggezza e l’esperienza accumulate nel corso della sua vita, ha preferito comportarsi in una maniera che definire non opportuna è il minimo che si possa dire.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.