MERCOLEDÌ 02 MAGGIO 2018, 00:04, IN TERRIS

Follia gender: vietato promuovere l'allattamento al seno

Uno studio sulla rivista "Pediatrics" lo giudica "eticamente inappropriato" perché impone ruoli di genere

IGNAZIO STATUARIO
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Mamma allatta al seno
Mamma allatta al seno
L'

allattamento al seno ha conosciuto negli ultimi anni una nuova "primavera" di consenso da parte del mondo medico e dell'opinione pubblica. Dopo che nei decenni passati la promozione su vasta scala del latte artificiale ha visto crescere e nutrirsi numerosi bambini lontano dal seno delle mamme, anche l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) oggi raccomanda l'allattamento al seno per almeno i primi sei mesi di vita del piccolo.

Questo gesto ancestrale, che non cela mai la sua vena romantica, è finito però nel mirino di una rivista accademica americana di pediatria, Pediatrics. In uno studio si afferma che è “eticamente inappropriato” per il governo e le organizzazioni mediche descrivere l’allattamento al seno come “naturale”, perché il termine impone nozioni rigide sui ruoli di genere. “Associare la natura alla maternità - si legge - può inavvertitamente sostenere argomentazioni biologicamente deterministiche sul ruolo degli uomini e delle donne nella famiglia (per esempio, che dovrebbero essere principalmente le donne a prendersi cura dei bambini)".

In particolare, dunque, lo studio se la prende con il termine "naturale". “Fare riferimento al ‘naturale’ nella promozione dell’allattamento al seno può inavvertitamente sostenere una serie di valori sulla vita familiare e sui ruoli di genere, che sarebbero eticamente inappropriati”, afferma ancora lo studio. Pertanto, secondo gli autori, a meno che tali annunci di pubblicità-progresso non “rendano trasparenti i valori e le convinzioni che li sottendono“, “dovrebbero fare a meno di dichiarare che l’allattamento al seno è ‘naturale’".

Secondo le autrici dello studio, Jessica Martucci e Anne Barnhill, sostenere che l'allattamento al seno sia naturale alimenta il movimento anti-vaccini. Del resto - rilevano - esaltare l'allattamento al senso come "naturale" implicherebbe che i prodotti fabbricati o in serie siano discutibili o pericolosi. “Se fare ciò che è ‘naturale’ è ‘meglio’ nel caso dell’allattamento al seno, come possiamo aspettarci che quella visione del mondo potente e profondamente persuasiva venga ignorata dalle madri quando fanno delle scelte sulle vaccinazioni?”, scrivono. Se già l'argomentazione alla base dell'articolo appariva poco convincente, il nesso tra promozione dell'allattamento al senso e movimento no-vax risulta oltre modo curiosa.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Una foto di Mattia Torre sui social network
CULTURA

Addio allo sceneggiatore Mattia Torre

Famoso per aver scritto la serie tv di culto “Boris”, era malato da tempo
Un'immagine del Santuario di Lourdes
PELLEGRINAGGI

La diocesi del Papa in viaggio verso Maria

Pellegrinaggio mariano a Lourdes dal 26 al 29 agosto organizzato dal Vicariato
Palazzo Chigi
POLITICA

Orsina: "Alleanza Pd-M5s? Ecco quando potrebbe avvenire"

Il direttore della School of Government della Luiss analizza gli scenari a Palazzo Chigi e dintorni: "Situazione...
GRECIA

Terremoto in Grecia, paura ad Atene

Il sisma, di magnitudo 5.3, ha bloccato molti in ascensore
Per il 91% degli italiani, le recensioni di TripAdvisor sono attendibili
OCCHIO AL WEB

Recensione negativa per TripAdvisor

Il Consiglio di Stato ha multato la nota community di recensioni online
Bossoli
CAMORRA

Doppia "stesa" a Napoli: paura nella notte

Due bossoli davanti alla chiesa dove fu ucciso Genny Cesarano