SABATO 23 LUGLIO 2016, 000:04, IN TERRIS

FINGONO CONFLITTO A FUOCO PER RICEVERE UN ENCOMIO

AUTORE OSPITE
FINGONO CONFLITTO A FUOCO PER RICEVERE UN ENCOMIO
FINGONO CONFLITTO A FUOCO PER RICEVERE UN ENCOMIO
“Guardie e ladri” al contrario a Palermo. Due poliziotti, secondo quanto accertato dalla Procura di Palermo, avrebbero simulato una sparatoria nel quartiere Zen provocando un inseguimento per le strade della città conclusosi con l’arresto di un rom. Come avviene nei migliori film polizieschi…peccato fosse tutto una finzione. Si sarebbe infatti trattato di una “messinscena per ottenere un premio, scrive Repubblica, che, una volta scoperta, ha fatto scattare le manette per Francesco Elia, 56 anni, e di Alessandra Salamone, 49”; i due sono stati accusati di calunnia, simulazione di reato, falso, procurato allarme e danneggiamento.

La storia risale al 16 marzo del 2015. Quel pomeriggio alla centrale arriva la comunicazione di un inseguimento per le vie dello Zen. Si parla anche di una sparatoria con un giovane rom in fuga, ed effettivamente i segni ci sono tutti: una ferita di striscio sul braccio dell’ispettore Elia e un proiettile conficcato sul cofano della volante. Sulla vicenda indagano gli agenti del commissariato San Lorenzo che, grazie anche all’aiuto della Scientifica, scoprono che quei segni non sono frutto di una sparatoria, ma provocati a regola d’arte dai due poliziotti. Ma cosa avrebbe spinto i poliziotti a mettere in scena una simile storia?

Sembrerebbe, evidenzia sempre Repubblica, volontà di chiedere un risarcimento “premio”, tanto che nei mesi scorsi, Elia aveva presentato un’istanza al ministero dell’Interno in cui chiedeva di essere riconosciuto "vittima del dovere" per "causa di servizio". Ma non è riuscito nell’intento di truffare lo Stato. Il giovane rom è stato incarcerato per 50 giorni, da innocente: la sparatoria era stata ideata da chi avrebbe dovuto proteggere la comunità dai malviventi, quelli veri.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Papa Francesco incontra il clero locale nella Cattedrale di Santiago del Cile Photo © Vatican Media
PAPA IN CILE

"In Gesù le nostre piaghe sono risorte"

Testo integrale del discorso del Pontefice ai religiosi, consacrati e seminaristi nella Cattedrale di Santiago
Papa Francesco nel Carcere femminile di Santiago del Cile benedice i bambini Photo © Vatican Media
PAPA IN CILE

"La maternità non è e non sarà mai un problema"

Il Pontefice in visita al carcere femminile di Santiago: "La sicurezza pubblica si costruisce con il lavoro"
Papa Francesco saluta le detenute del Carcere femminile di Santiago del Cile Photo © Vatican Media
PAPA IN CILE

"Siete privi di libertà non della dignità"

Testo integrale del saluto del Pontefice alle detenute del Carcere Femminile di Santiago del Cile
Milano, i Vigili del fuoco sul luogo della tragedia
TRAGEDIA SUL LAVORO

Milano, tre operai morti intossicati in fabbrica

Si aggrava il bilancio dell'intossicazione nello stabilimento metalmeccanico: gravissimo il quarto lavoratore
Kosovska Mitrovica, la scena del crimine
KOSOVO|LEADER SERBO UCCISO

Tensione alle stelle tra Belgrado e Pristina

Oliver Ivanovic assassinato a Kosovska Mitrovica. Vucic ritira la delegazione da Bruxelles
Una delle chiese assaltate in Cile
CILE

Scontri e chiese assaltate: proteste per la visita del Papa

Carabinieri aprono gli idranti contro la "Marcia dei poveri", date alle fiamme altre tre parrocchie