“Suo figlio ha avuto un incidente”: l’ignobile truffa agli anziani

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:07
terza

Una tecnica collaudata, che consentiva a i malfattori di raggirare le anziane vittime estorcendo loro denaro o preziosi. E’ questo ciò che hanno scoperto i carabinieri di Imperia e Napoli, elementi che hanno permesso agli uomini dell’Arma di sgominare una banda che operava in tutta Italia. Sono 15 le misure cautelari che sono state eseguite, dieci dei destinatari sono finiti in carcere, mentre per cinque è scattato l’obbligo di dimora.

Le ipotesi di reato

Sono accusati di associazione a delinquere; le persone coinvolte sono tutte di origine campana ed hanno un’età compresa tra i 22 e i 58 anni. L’indagine avviata nel novembre del 2018 e battezzata “Gerione” ha consentito di ricondurre agli indagati i 42 episodi che hanno permesso ai malviventi di incassare circa 300 mila euro.

La truffa

Ma come agiva la banda criminale? Alcuni di loro, dopo aver contattato la vittima al telefono, dopo essersi qualificati come avvocati o appartenenti alle forze dell’ordine, riferivano che il figlio o un parente molto vicino aveva provocato un incidente stradale senza essere coperto dall’assicurazione. Quindi chiedevano una somma di denaro o preziosi come cauzione per poter “liberare” il parente. A casa dell’anziana vittima veniva mandato un complice che si presentava come l’emissario incaricato di ritirare il denaro o l’assegno, per poi fuggire.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.