Fermi sui binari: la folle sfida al treno

ULTIMO AGGIORNAMENTO 3:25

Una sfida, un challenge o, più semplicemente, un'incoscienza dettata da chissà quale desiderio di fare a gara con sé stessi. Una serie di motivi, molti dei quali assurdi, hanno portato alcuni ragazzi a esibirsi in una pericolosissima bravata sulle rotaie della Bologna-Milano, all'altezza del bivio Santa Viola, fermandosi sopra i binari per attendere e sfidare il treno lanciato a tutta velocità. Una scarica di adrenalina, un selfie “record” o chissà quale altra motivazione alla base di un gesto così folle: fatto sta che il gruppetto si è palesato davanti al macchinista di un Freccia Argento che, notati i ragazzi sui binari, ha immediatamente azionato il freno, riuscendo a fermare il convoglio appena in tempo per evitare l'impatto. I ragazzi si sarebbero immediatamente dati alla fuga ma il macchinista sarebbe riuscito a intercettare uno di loro, un minorenne, proprio quello che si era posizionato sul binario dove il treno stava correndo.

Un ammonimento

Avvertita la Polizia ferroviaria, il giovane “è stato ammonito sulla pericolosità del suo comportamento e riaffidato ai genitori, mentre gli altri tre amici sono già stati identificati e a breve verranno rintracciati”. Al ragazzo è stato fatto capire come e perché il suo gesto fosse estremamente pericoloso. Uno dei tanti giovanissimi arpionati dai challenge del Terzo millennio, figli di un'epoca in cui la ricerca dell'eccesso coinvolge sempre di più le fasce più giovani. Gli agenti della Polfer hanno tracciato un parallelismo con quanto accaduto solo pochi giorni fa nella vicina Borgo Panigale, dove un gruppo di ragazzi, tutti minorenni, si era esibito nella stessa bravata: alcuni di loro erano stati identificati e sanzionati proprio da un agente della Polizia ferroviaria. A loro lo stesso ammonimento: un avvertimento anzi, per fargli capire quanto l'effimera moda del selfie con brivido o dell'adrenalina di un'esperienza estrema valga molto meno della loro vita.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.