Falsi invalidi: era cieco dal 2011 ma guidava l’auto, denunciato

Scovato dalla Guardia di Finanza in Calabria nell'ambito di un'indagine nazionale denominata "Falsi ciechi"; sequestrati beni per 160 mila euro

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:21
Guardia di Finanza

Avrebbe percepito dal 2011 ad oggi – pur conducendo con assoluta normalità tutti gli atti di vita quotidiana e spostandosi da un luogo all’altro utilizzando la propria autovettura – una pensione di invalidità civile e relativa indennità di accompagnamento, per cecità totale per un ammontare complessivo di oltre 160 mila euro.

Un uomo di 67 anni della provincia di Crotone è stato denunciato con l’accusa di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche dai finanzieri del Comando provinciale di Crotone. Questi hanno richiesto l’immediato sequestro dei beni mobili ed immobili di sua proprietà per un valore pari agli emolumenti previdenziali illecitamente percepiti. I finanzieri – nell’ambito di un’attività denominata “Falsi ciechi” e svolta a livello nazionale ed elaborata, a livello centrale, dal Nucleo Speciale Spesa Pubblica e Repressione Frodi Comunitarie della Guardia di Finanza – hanno dapprima provveduto ad acquisire la certificazione medica e la documentazione relativa al riconoscimento degli emolumenti previdenziali ottenuti per poi avviare un’attività di osservazione, controllo e pedinamento.

In base agli elementi raccolti, il gip del tribunale di Crotone, accogliendo la richiesta della Procura, ha disposto il sequestro dei beni patrimoniali del sessantasettenne. In particolare, sono stati incrociati i dati dei titolari di patente di guida registrati alla Motorizzazione civile con quelli relativi ai percettori di indennità in qualità di ciechi civili e quindi beneficiari di pensione di invalidità e/o dell’indennità di accompagnamento che avessero successivamente ottenuto il rilascio ovvero il rinnovo della patente.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.