False accuse per un encomio: arrestati tre Carabinieri

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

Una situazione davvero imbarazzante quella che ha visto coinvolti tre Carabinieri in servizio presso la compagnia di Giugliano, in provincia di Napoli. I militari, infatti, avrebbero nascosto armi, documenti e piantine di marijuana nell'abitazione di un giovane cittadino ghanese, e lo avrebbero fatto al solo scopo di incastrarlo, nell'ambito di una falsa indagine allestita per ottenere una promozione. I tre sono stati arrestati in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del tribunale di Napoli Nord. L'accusa è di aver tratto in arresto una persona sulla base di un reato che, invece, sarebbe stato costruito ad arte per farla risultare colpevole e ottenere così un encomio per aver smascherato il soggetto in questione che, addirittura, sarebbe stato falsamente accusato di connessioni con attività terroristiche.

La nota del procuratore

I tre Carabinieri, due sottufficiali e un appuntato, sono stati già sospesi dall'Arma: su di loro gravano ora le accuse di falso ideologico, calunnia, detenzione e porto illegale di armi clandestine. Le indagini sulla loro condotta sono state condotte dalla Guardia di Finanza di Aversa (Caserta) e, secondo il procuratore aggiunto Domenico Airoma, “le articolate attività di indagine hanno consentito di raccogliere gravi indizi di colpevolezza a carico dei destinatari della misura cautelare”. Un operato che, senza dubbio, getta una brutta macchia alla divisa e all'onore dell'Arma dei Carabinieri, costretta a fare i conti con un'azione che va contro tutti i principi e i capisaldi di questo storico corpo.

Vittima rilasciata

Ad aggravare ancor di più il fatto, la poca consistenza della motivazione, risiedente semplicemente in una promozione, nel migliore dei casi, o di un encomio. In particolare, secondo le ipotesi dell'accusa, i tre procedevano all'arresto dell'extracomunitario, “nell'ambito di attività di servizio istituzionale”, accentuando ulteriormente la gravità del gesto. La vittima del raggiro, naturalmente, è già stata rilasciata.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.