Scrive su Facebook: “Ho voglia di uccidere tutti” e mette tutti in allarme

L'uomo ha postato un messaggio in cui diceva di essersi alzato con la voglia di uccidere tutti quelli che si mettevano sulla sua strada

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:52
Facebook

Scrive su Facebook “Ho voglia di uccidere tutti” e viene denunciato per procurato allarme. E’ quanto accaduto a un 52enne della Campania ma domiciliato sulla montagna pistoiese nelle scorse ore. L’uomo, dopo la frase infelice, è stato rintracciato e poi denunciato.

Ecco, nello specifico, come si sono svolti i fatti. Il “Centro nazionale anticrimine informatico per la tutela delle infrastrutture critiche”, che si occupa anche del continuo monitoraggio dei siti web, ha informato ieri pomeriggio la questura di Pistoia di un preoccupante post su Facebook: un uomo affermava di essersi alzato con la voglia di uccidere tutti quelli che si mettevano sulla sua strada, continuando, sempre nel delirante post, chiedendosi se un vigile urbano debba essere considerato un essere umano. Un post che ha dato l’impressione di essere potenzialmente pericoloso.

Solo farneticazioni?

Le prime indicazioni ricavate dal suo profilo hanno permesso di identificare un 52enne e a quel punto i carabinieri della compagnia di San Marcello (Pistoia) sono riusciti a localizzare esattamente l’abitazione e, con tutte le precauzioni del caso, sono entrati in contatto con lui appurando che le sue erano semplici farneticazioni. Il 52enne è stato pertanto denunciato dai carabinieri per il procurato allarme, un reato punibile fino a sei mesi di carcere. C’è da sperare che la prossima volta starà più attento a quello che scriverà sui social che, lo ricordiamo, non sono degli appunti privati in un taccuino tenuto chiuso in un cassetto di casa.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.