Fa benzina e si scorda la moglie

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

In “Pane e tulipani” la protagonista, interpretata da Licia Maglietta, viene dimenticata dal marito al parcheggio dell'autogrill. Un copione che qualcuno è riuscito a trasformare in realtà.

La sosta

E' successo, infatti, ad una coppia di coniugi ottantenni originari del comune laziale di Isola del Liri, nelle vicinanze di Sora. Usciti di casa per una visita nel fine settimana ad alcuni parenti, i due stavano viaggiando lungo l'autostrada Roma – L'Aquila. La necessità di un rifornimento di benzina alla macchina ha spinto l'uomo, che si trovava al volante, a fermarsi in un autogrill incontrato sul tragitto. La moglie ne ha potuto così approfittare per recarsi al bagno. Di ritorno, però, l'amara scoperta: nel parcheggio dell'area di servizio non c'era alcuna traccia del marito. Dopo l'iniziale momento di smarrimento, la donna ha preso il cellulare ed ha chiamato il marito per fargli la fatidica domanda: “Ma dove sei?“.

La scoperta

Solo in quell'istante, mentre si trovava già in viaggio sull'autostrada, l'uomo si è reso conto di essere ripartito dopo il rifornimento di benzina senza aver aspettato la consorte che si era fermata in bagno. Nell'attesa, la donna ha trovato riparo nel bar dell'area di servizio dove ha raccontato la sua esperienza al personale e ai clienti presenti che devono aver reagito con sentimenti misti tra l'incredulità e l'ilarità. Il protagonista della curiosa vicenda non ha potuto far altro che tranquillizzare la moglie per poi prendere la prima uscita disponibile dell'autostrada e tornare indietro a recuperarla. Ritrovato l'autogrill, l'uomo si è fermato di nuovo ed ha trovato ad aspettarlo la moglie. Si può immaginare che il resto del viaggio non sia stato molto gradevole per il marito smemorato. E può dirsi fortunato: a differenza del film di Silvio Soldini, che vinse 9 David di Donatello nell'edizione del 2000, la donna ha preferito aspettare e non si è concessa alcuna fuga a Venezia! 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.