Ecco la prima “famiglia” transgender da due generazioni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

Dal Regno Unito arriva una nuova storia fuori dall'ordinario. Il “Daily Mail” ha fatto conoscere al mondo la famiglia del piccolo Jayden Rogers, 5 anni, che, a quanto dichiarano i genitori, è “convinta di essere una femmina” perché “odia i vestiti da maschi e tutto il loro mondo”.

La storia

Nella “foto di famiglia” pubblicata dal famoso sito britannico il ragazzino è ritratto con quelli che in apparenza sembrano essere i genitori: da un lato la madre biologica, Jody, dall'altro il “padre”, Greg, che però è nata donna ed è rimasta tale fino all'età di 16 anni quando ha deciso di operarsi.

Clamore

Nel Regno Unito la loro storia sta facendo discutere ed ha spinto giornalisti ed osservatori a parlare di “primo caso di famiglia transgender da due generazioni”. La loro vicenda è divenuta di dominio pubblico dopo una segnalazione anonima ai Servizi sociali di qualche vicino che aveva visto Jayden giocare nel cortile con addosso vestiti femminili. Gli operatori intervenuti, però, hanno detto di non aver riscontrato anomalie nella situazione.

Decisione definitiva o no?

I protagonisti hanno rilasciato alcune interviste nel Regno Unito: Greg, il “padre”, ha raccontato ai media di essersi fatta asportare il seno a 16 anni ma di non aver subito altre operazioni chirurgiche. La madre biologica, invece, ha spiegato di essere sicura che la figlia di 5 anni sia convinta della scelta. Jody ha dichiarato che all'inizio non pensava “potessero esserci bambini transgender” invece, poi, “parlando con altre famiglie nella nostra stessa situazione, mi sono accorta che questa realtà sia più comune di quanto si pensi”. Ora la madre gioca con il figlio insegnandogli ad usare lo smalto e si dichiara pronta all'idea di somministrargli ormoni “se vorrà essere una femmina per sempre”. Jody ha anche definito “ridicole” quelle persone che le hanno chiesto se il figlio si è già operato. I genitori non chiudono la porta, però, all'idea che Jayden possa ripensarci un domani: “Nostra figlia – ha spiegato Greg – inizierà un percorso per capire fino in fondo chi sia veramente. Noi le resteremo accanto, qualunque cosa sceglierà di fare o di essere e, quando crescerà, le racconterò la mia storia”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.