VENERDÌ 11 MAGGIO 2018, 00:04, IN TERRIS


LECCE

E' diabetico, scuola rifiuta bimbo di 9 anni

Il piccolo è stato riammesso alle lezioni, ma solo se con lui sarà presente la mamma

ANGELA ROSSI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
P

otrà partecipare alle lezioni solo se la mamma resterà ad assisterlo. E' la vicenda di un bambino di nove anni di origini marocchine, che sarebbe stato cacciato dalla scuola - un istituo comprensivo del Basso Salento perché diabetico. La denuncia arriva dalla mamma del piccolo che ha deciso di sporgere querela contro la scuola. 


Il caso

La vicenda - come riportato dall'Ansa - ha avuto inizio lo scorso 9 aprile, quando il piccolo - che a settembre ha iniziato a frequentare la terza elementare - ha avuto l'esordio del diabete di tipo 1. Dopo un breve ricovero, è tornato a casa il 17 aprile e a scuola il 23 dello stesso mese, ma sarebbe stato rifiutato per via della patologia. Il motivo? Secondo quanto detto alla famiglia, la scuola non sarebbe stata in grado di prendersi cura del piccolo in caso di una crisi o di un'emergenza sanitaria. In seguito a diversi litigi tra la mamma e un'insegnante, la vicenda ha preso le vie legali. La docente ha denunciato la signora, che a sua volta ha denunciato l'intera vicenda alle forze dell'ordine. Lo scorso martedì, finalmente, il bambino è potuto tornare in classe, ma a una sola condizione: la mamma dovrà essere presente per tutto l'orario scolastico per il monitoraggio della glicemia. A sostegno della famiglia si sono mobilitati nei giorni scorsi il sindaco della città, l'APDS Onlus di Lecce (Associazione Pediatrica Diabetici del Salento), servizi sociali, Asl ed è stato informato l'Ufficio Scolastico Regionale.


La difesa della scuola

Nel frattempo è arrivata anche la difesa della scuola, infatti la dirigente scolastica - come riportato da Il Messaggero - ha affermato che dopo una lunga assenza la famiglia "si è presentata con il bambino senza prima avvisarci della nuova situazione, pretendendo che fosse la scuola ad assicurare la necessaria assistenza, ma noi non eravamo preparati. Ho subito scritto alla Asl, ho chiesto all'amministrazione comunale un tavolo tecnico e sto predisponendo una circolare per chiedere al mio personale scolastico la disponibilità a formarsi per garantire un'assistenza adeguata, ma queste cose richiedono tempo. Nella nostra scuola abbiamo una forte presenza di stranieri e disabili e non abbiamo mai fatto mancare il nostro sostegno alle loro famiglie. La mamma si fidi della scuola, di chi l'ha sempre aiutata fino ad oggi"

 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L'epicentro del sisma
ARCIPELAGO

Terremoto 7.1 in Indonesia

Seguito da un forte sciame sismico, non è stata emessa alcuna allerta tsunami
Claudio Borghi con una possibile banconota di minibot
POLITICA

Minibot, l'altolà di Giorgetti

Battuta tagliente del sottosegretario leghista: "Non sono verosimili. Ancora c'è chi crede a Borghi?"
Il Sindaco di Scorrano, Guido Nicola Stefanelli
LECCE

Mafia: 30 arresti, indagato un Sindaco

Sembra si tratti del Sindaco di Scorrano, Guido Nicola Stefanelli, di Lista Civica
Al via le prove orali
SCUOLA

Maturità, al via gli esami orali: debuttano le tre buste

Il Miur ha postato un video per spiegare come sarà la prova e tranquillizzare i ragazzi
Passeggeri su un treno in Bangladesh
BANGLADESH

Treno cade dal ponte: 4 morti e 65 feriti

Il ponte è crollato al passaggio dle convoglio, ignote le cause
Sud Italia

Soprattutto il Sud

Matteo Salvini manda a dire ai sindacati e imprenditori che li convocherà per un confronto a luglio. La...