Deve gli alimenti all'ex moglie, li paga con una tonnellata di monete

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

Ha dell'inverosimile la scena a cui hanno assistito il giudice e i dipendenti del tribunale di Giava che si sono visti entrare nei propri uffici un uomo con una carriola e circa dieci sacchi contenenti chili e chili di monetine. Il motivo? Era la somma che doveva all'ex moglie.

Il fatto

Come riportato dal Jakarta Post, un uomo di 54 anni si è presentato davanti al giudice per pagare ben 9 anni di alimenti che doveva all'ex moglie, 153 milioni di rupie, ovvero oltre 8 mila euro. E lo ha fatto, ma non con un assegno, né tanto meno con un bonifico, bensì in contanti. Ma solo monete. L'ex marito ha infatti deciso di pagare solo al termine di una lunga vicenda giudiziaria. Alla fine, il protagonista di questa vicenda ha organizzato una colletta tra amici e familiari; poi, con l'aiuto di due conoscenti ha portato la carriola e i sacchi fino al tribunale. Grande è stata la sorpresa negli occhi del giudice di Karanganyar, quando ha constatato il peso di tutti quei sacchi: oltre una tonnellata. 

La rabbia dell'ex moglie

I media locali hanno riportato anche la reazione dell'ex moglie che non ha preso molto bene la notizia. La rabbia è stata tanta, tanto da far intervenire i suoi legali. Ma quando l'avvocato dell'ex marito le ha spiegato che non vi era alcun intento offensivo nel gesto, la donna, dopo una breve riflessione, ha accettato la tonnellata di monete. Il caso sembrerebbe chiuso. Ma per alcuni le vere vittime di tutta la vicenda sono i dipendenti del tribunale, costretti a contare tutte le monete, dalla prima all'ultima, per assicurarsi che l'importo pagato dall'uomo fosse esatto. La somma era effettivamente di 153 milioni di rupie, né un centesimo di più né uno di meno.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.