Choc su Amazon, decorazioni natalizie a tema Auschwitz

ULTIMO AGGIORNAMENTO 1:51

Non sono bastati gli atti vandalici sulle targhe di chi si oppose alle leggi razziali, né gli atti antisemiti che, sempre più spesso, si stanno verificando in Europa per incrementare la dose di sensibilità su tematiche estremamente drammatiche come l'Olocausto. Un fatto ancor più grave se si pensa che il campo di concentramento di Auschwitz, dove furono sterminate oltre un milione di persone, sono apparse su alcuni oggetti indicati come “ornamenti natalizi” in vendita sulla piattaforma di Amazon. Uno stock di prodotti (alberelli, stelline e altre decorazioni tipiche delle festività natalizie) che hanno letteralmente scioccato i clienti del colosso della vendita online, tanto da attirare l'attenzione del Memoriale di Auschwitz in Polonia, duramente intervenuto via Twitter per stigmatizzare la decisione di Amazon di mettere in commercio tali prodotti, definiti “inquietanti e irrispettosi”.

#show_tweet#

L'istanza

La denuncia online del Memoriale è stata via via condivisa da molti utenti, concordi nel definire quantomeno poco appropriate le decorazioni per il Natale con chiari riferimenti al lager nazista, nonostante fosse indicato genericamente come “campo di prigionieri di guerra”. Un ulteriore motivo di rimostranza da parte del Memoriale in Polonia, la cui istanza è stata supportata anche dai clienti Amazon tanto che la stessa azienda e-commerce, dopo alcune ore di pressioni, ha ritirato quei prodotti dalla vendita. Un passo indietro necessario, riportato dal New York Times attraverso le parole di un portavoce dell'azienda che ha categoricamente vietato l'ulteriore permanenza degli oggetti sulle piattaforme di vendita online: “Tutti i venditori devono seguire le nostre linee guida di vendita e coloro che non lo faranno saranno soggetti all'azione, inclusa la potenziale rimozione del loro account”. Resta comunque un passo falso, non solo per l'idea di porre le immagini di Auschwitz su prodotti destinati al consumo di massa ma anche per averle accostate a un tema di fratellanza universale come quello del Natale.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.