Choc negli Usa: anche i papà allattano

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

Quello che è uno degli aspetti più teneri e peculiari della maternità, ovvero l'allattamento al seno, è stato svilito negli Usa, dove una trans, in terapia femminilizzante da diversi anni, è riuscita ad allattare il figlio avuto dalla compagna. E' la prima volta che accade una cosa del genere. La vicenda, la prima di questo tipo nella letteratura scientifica, è descritta sulla rivista Transgender Health.

La tragica storia

Come riportano gli autori dello studio, la trans, di trentanni anni, si è presentata al Center for Transgender Medicine and Surgery del Mount Sinai Hospital di New York affermando che la compagna non voleva allattare. “La storia medica mostrava una significativa incongruenza di genere, per la quale la paziente ha iniziato nel 2011 una terapia con ormoni femminilizzanti – scrivono gli autori – che stava seguendo anche al momento della prima visita”. Ecco allora che i medici applicano alla trans il protocollo ormonale per la “lattazione indotta non puerperale”, che si usa anche per le donne per stimolare la produzione di latte. “La terapia ormonale, insieme alla stimolazione con un tiralatte, ha fatto sì che nel giro di tre mesi la paziente producesse un quantitativo di latte sufficiente a nutrire il bambino per i primi sei mesi di vita“. E lo studio precisa: “Durante questo periodo la crescita del bambino è stata regolare”.

L'opposto

Come riporta l'Ansa, la vicenda è opposta a quella di Trevor McDonald, salito alla ribalta delle cronache nel 2016, un trans che si stava sottoponendo a terapia mascolinizzante ma che ebbe comunque due figli regolarmente allattati. “Noi vogliamo offrire ai nostri pazienti tutte le opzioni possibili – spiegano gli autori dello studio in un'intervista al Washington Post – e questo caso è un passo in avanti”. Ma quest'ultima affermazione dipende dal punto di vista.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.