Castelnuovo (Assisi): occupano un appartamento, ma i vicini se ne accorgono

Una giovane coppia di disoccupati avrebbe forzato la porta di ingresso per usufruire del locale. Poco dopo sono intervenuti i Carabinieri

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:13

L’emergenza Coronavirus obblga tutti a stare a casa. Ma c’è anche chi, non avendola, occupa un appartamento. In questo caso, però, gli abitanti del complesso se ne sono accorti ed hanno deciso di chiamare le forze dell’ordine.

Il caso

È successo a Castelnuovo di Assisi. Ai carabinieri diversi inquilini di una palazzina Ater avevano segnalato la presenza di rumori sospetti provenienti da un appartamento che non era stato ancora assegnato. L’immediato intervento della pattuglia dei militari della stazione ha permesso di accertare all’interno la presenza di una coppia di giovani disoccupati, entrambi 26enni. I due, dopo aver forzato la porta d’ingresso, si sarebbero introdotti all’interno dell’alloggio popolare, occupandolo abusivamente. Per entrambi è quindi scattata la denuncia all’autorità giudiziaria. Inoltre, è stata spedita la prevista comunicazione all’ente di gestione per l’avvio delle relative pratiche di sfratto.

I carabinieri intervengono per una violazione

Poche ore dopo, invece, ai carabinieri sono giunte telefonate relative alla presenza sospetta di un cittadino extracomunitario in una delle vie principali di Santa Maria degli Angeli. L’intervento dei militari, coadiuvati da personale della Polizia Municipale di Assisi, ha permesso di rintracciare l’uomo, un cittadino magrebino 40enne, pregiudicato, il quale, approfittando delle ore serali, era stato visto passeggiare tranquillamente per le vie della città, nonostante risultasse colpito da un divieto di ritorno dal Comune di Assisi. Per lui è scattata la denuncia.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.