“CARO, SCEGLI: O ME O IL CANE”. LUI: “PREFERISCO IL MIO BEAGLE!”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 1:00

Il cane è il miglior amico dell’uomo, ma non della donna, o almeno così pare. L’episodio capitato a una coppia della Virginia sembra voler correggere uno dei più noti luoghi comuni sul rapporto tra la razza umana e quella canina. L’annuncio pubblicato da un uomo, apparso poco tempo fa su Craiglist – intitolato “Gratis a quelli che le daranno una casa” – e corredato dalla foto di un Beagle, dava proprio l’idea di parlare del cane, ma invece era riferito alla fidanzata. Il testo recitava così: “Alla mia fidanzata non piace il mio beagle Molly, quindi devo disfarmene. E’ una purosangue, viene da una zona ricca e abbiamo condiviso 4 anni della nostra vita. Le piace giocare, ma non è completamente addestrata. Il suo mantenimento è piuttosto costoso, soprattutto quando si tratta dei suoi capelli e delle sue unghie che lei pretende sempre perfette.

Chiacchiera tutta la notte e dorme quando sono al lavoro. Mangia solo cibo costoso. Non vi saluterà mai con affetto al ritorno da una dura giornata di lavoro, né vi tirerà su quando sarete tristi. Non morde, ma può essere estremamente crudele. Quindi… c’è qualcuno interessato alla mia fidanzata 30enne, egoista, malvagia e opportunista? Venga a prendersela. Io e il mio cane vogliamo di nuovo la casa libera!”. La storia era già divenuta virale, con uno strascico di polemiche inevitabile. Il diretto interessato allora – pochi giorni fa – ha spiegato che si trattava di uno scherzo fatto per invitare la gente a non considerare gli animali degli oggetti e soprattutto a non abbandonarli. “La mia ragazza ama i miei cani – ha detto successivamente. Non ho un Beagle, ma un Pit Bull chiamato ‘Olaf’”.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.