Captagon: la droga dell’Isis che fa “uccidere con il sorriso”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:50

Si chiama Captagon ed è stata definita la “pillola della ferocia”. Si tratta di una droga sintetica a base di anfetamine che i militanti dell’auto proclamato “Califfato” userebbero per sentire di meno la fatica. Ma i suoi effetti non sono solo contro la stanchezza. Come riferisce in un suo articolo sul quotidiano “Il Giornale” Gian Micalessin, con la pillola Captagon “si sgozza e si massacra con il sorriso sulle labbra e il vuoto nella testa”.

A scoprire che in circolazione – in quasi tutta la Libia, ma anche in altri Paesi del Medio Oriente – ci sarebbe questa pillola sarebbero stati i curdi, che ne hanno trovato dei campioni nelle tasche dei jihadisti dell’Is uccisi a Kobane. Ma anche l’intelligence Usa, dopo aver effettuato delle indagini sui video dei terroristi soprattutto su quello del boia con l’accento inglese, avrebbe dichiarato che i miliziani appaiono chiaramente sotto l’effetto di stupefacenti.

La droga non sarebbe “nuova”, infatti anche i manifestati della “Primavera Islamica” del 2011 avrebbero ammesso di averla usata. Inoltre anche i carabinieri italiani, giunti nel 2013 in Libia, con l’obiettivo di far diventare un esercito alcuni miliziani, scoprirono che almeno il 30% di loro soffriva di tossicodipendenza. A questo punto viene spontaneo chiedersi chi è che ha messo in circolazione una pillola “capace” di trasformare degli uomini in assassini che compiono i loro crimini con il sorriso, fa diminuire in loro la fatica e li fa sentire con la testa vuota, perché se al fanatismo dei militanti dell’Isis si uniscono questi effetti terrificanti delle anfetamine, qual altre atrocità saranno in grado di compiere?

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.