Calciatore squalificato: aveva 12 anni in più

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

Si può confondere un ragazzo di 16 anni da uno di un paio d'anni di più. Ma se i natali sulle spalle sono addirittura dodici, in una fase della vita in cui il fisico si modifica, sembra davvero strano poter far confusione. E invece in India il calciatore Gourav Mukhi, promessa del principale campionato del Paese, è passato per un sedicenne quando in realtà di anni ne aveva dodici di più. Una volta che è stato scoperto, gli è stata comminata una squalifica di sei mesi.

Il fatto

Lo scorso 7 ottobre Mukhi entra in campo, con la maglia del Jamshedpur, una delle squadre di vertice del maggiore campionato indiano, contro il Bengaluru e dopo appena dieci minuti realizza un gol. Si tratta di un record: mai un giocatore di 16 anni aveva segnato nella storia del torneo. Secondo l'anagrafe, del resto, è nato il 4 maggio 2002. Ma in realtà, è stato svelato, la sua verà carta d'identità non corrisponde a quella comunicata e registrata dalla sua squadra di calcio. Nel novembre scorso è stato scoperto e il giocatore condannato a sei mesi lontano dai campi di gioco: tornerà dopo il 31 maggio 2019. Come ricorda Sky, non è la prima volta che il Jamshedpur viene punito dalla Federazione indiana, precedente che riguardava quattro calciatori schierati con un’identità falsa in occasione di un torneo Under 15. Tra questi figurava il già maggiorenne Mukhi, lo stesso protagonista che nel 2015 spiegava di avere 15 anni quando scese in campo con la Nazionale Under 16 dell’India. Ma come si è giunti a scoprire l'inganno? Nel settembre scorso il calciatore, nel corso di un'intervista al The Telegraph indiano, aveva dichiarato la sua età effettiva. Così la Federazione ha indagato e ha scoperto il tutto.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.