MARTEDÌ 21 APRILE 2015, 000:01, IN TERRIS

BUFERA SULL'FBI: PROVE SCIENTIFICHE SBAGLIATE IN 60 CASI DI CONDANNA A MORTE

MANUELA PETRINI
BUFERA SULL'FBI: PROVE SCIENTIFICHE SBAGLIATE IN 60 CASI DI CONDANNA A MORTE
BUFERA SULL'FBI: PROVE SCIENTIFICHE SBAGLIATE IN 60 CASI DI CONDANNA A MORTE
Una nuova bufera travolge il Federal Bureau of Investigation. Infatti dopo uno scoop del Washington Post, i federali statunitensi sono stati costretti a riconoscere che in un periodo di oltre 20 anni, in ameno 60 processi che si sono conclusi con la condanna a morte degli imputati, i dati forniti dalla loro scientifica erano "frutto di errori".

"Gli errori - si legge in una dichiarazione rilasciata dall'Fbi - riguardano casi di deposizioni giurate di tecnici di laboratorio sull'esame microscopico di capelli. Questo tipo di deposizioni non sono più fatte dall'Fbi. Ora viene impiegata l'anaisi mitocondriale del Dna dei capelli oltre a quella solo microscopica".

Ma già nel luglio scorso l'Fbi era finito nell'occhio del ciclone in seguito alla pubblicazione di un rapporto redatto dall'Ufficio dell'Ispettorato Generale del Dipartimento di Giustizia, secondo il quale l'Fbi non ha comunicato in tempo utile notizie che sarebbero state rilevanti per la difesa di 64 condannati alla pena capitale, 24 dei quali furono giustiziati o morti per cause naturali mentre si trovavano ancora in carcere.

Il 7 maggio del 2013 la Corte Suprema del Mississippi aveva sospeso l'esecuzione di un uomo, condannato a morte nel 1994 per l'omicidio nel 1992 di due universatari, perchè pochi giorni prima l'Fbi aveva reso pubblico che gli esperti che avevano testimoniato al processo avevano tratto delle conclusioni non "scientificamente valide".

Oltre a questo, altri 26 casi destavano preoccupazioni ai federali che avevano provveduto ad iniziare immediatamente le verifiche scientifiche relative. In realtà sembra che gli errori fatali dei tecnici dell'Fbi riguardi molti più casi: sono oltre 21.000 quelli che dovranno essere rivisti, ma la precedenza è stata data a quelli che si sono conclusi con la pena capitale, per evitare che un innocente venga giustiziato. Secondo il Washington Post, le prove dubbie sarebbero state usate in oltre il 95% dei 268 processi sottoposti a verifica, ossia quasi tutti i processi in cui l'Fbi ha presentato prove in oltre 20 anni.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il logo di Confindustria
CONFINDUSTRIA

"Il Pil cresce, Italia al bivio dopo il voto"

Il Centro studi rivede al rialzo le stime del 2018 ma avverte: "C'è il rischio arretramento"
Dia
CAMORRA

Arrestate quattro donne nel napoletano

L'indizio nei loro confronti è di delitto di ricettazione aggravata
Donna abusata

Stupri: chi non condanna è complice

Un nuovo efferato stupro ai danni di una donna italiana. Legata con filo telefonico, è stata violentata ad Asti...
Rex Tillerson
CRISI COREANA

Tillerson apre a Pyongyang

Il segretario di Stato: "Disponibili a colloqui ma serve un periodo di tranquillità"
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
Ryanair
LA MOBILITAZIONE

Ryanair, altolà ai dipendenti: "Sanzioni se scioperate"

Lettera del capo del personale ai piloti italiani: "Attenetevi ai turni previsti"