MERCOLEDÌ 24 MAGGIO 2017, 000:04, IN TERRIS

Bracconaggio spietato: solo il 6% dei lupi italiani muore in modo naturale

EDITH DRISCOLL
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Bracconaggio spietato: solo il 6% dei lupi italiani muore in modo naturale
Bracconaggio spietato: solo il 6% dei lupi italiani muore in modo naturale
Solo il 6% dei lupi italiani muore di morte naturale. Lo rivela una indagine del Wwf che, in occasione del Wolf Day, ha pubblicato i dati sulla mortalità dei lupi tratti dei risultati dei primi sei mesi del progetto ‘Morte tra i lupi - quanti lupi muoiono ogni anno in Italia?’, lanciato dal gruppo ItalianWildWolf.

I risultati parlano sin troppo chiaro. In soli 6 mesi - dal 1 novembre 2016 al 30 aprile 2017 - sono state segnalate ben 53 carcasse; ma potrebbero essere molte di più se si considera quelle mai rinvenute o mai denunciate. Dai dati raccolti è emerso che solo il 6% dei decessi registrati è riconducibile a cause naturali, mentre - a farla da padrone - sono stati gli incidenti stradali (53%) ed il bracconaggio (32%), che rappresentano rispettivamente la prima e la seconda causa di morte.

Ma se le carcasse dei "canidi" uccisi dalle automobili sono facilmente visibili, ben altra cosa è ritrovare e contare i resti dei poveri lupi massacrati nei boschi; per tale motivo, il Wwf stima che la cifra degli animali uccisi dai bracconieri sia significativamente più alta.

Nonostante il lupo sia una specie protetta dal lontano '76, i numeri parlano chiaro: l'Italia è un Paese di bracconieri. Per ucciderlo, riporta il Wwf, sono stati usati i mezzi più diversi, dalle armi da fuoco ai "classici" (si fa per dire) bocconi avvelenati. Tra le regioni con il numero più elevato di segnalazioni di morte (prevalentemente per incidenti stradali) spunta il Piemonte, in cui il lupo è presente almeno dal 1992 e che rappresenta un corridoio essenziale per la sopravvivenza del lupo sull’Arco alpino.

Dal bosco alpino alle stanze della politica, il lupo sembra essere sempre meno protetto. Infatti, il Piano nazionale di gestione del lupo - proposta nella quale sono presenti azioni importanti per la tutela del simbolo della biodiversità italiana - continua ad essere fermo in Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano (detta anche Conferenza Stato-Regioni), l'organo collegiale italiano finalizzato alla collaborazione istituzionale tra lo Stato e le autonomie locali.

Speriamo che i politici si ricordino di tutelare questo splendido mammifero, parente stretto dei nostri cani, prima che sia troppo tardi: nel 2014, se ne contavano in Italia solo 1600 esemplari.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Azienda di moda
CATEGORIE

Uno, nessuno, centomila talenti

Da nord a sud le iniziative di promozione dei settori e delle competenze made in Italy. Il ruolo della Camera di Commercio di...
Un frame del video
RAGAZZINE VIOLENTE

Casoria: Baby Gang al femminile picchia amichetta

Il video dell'aggressione di gruppo ha sollevato un caso ed è diventato virale
Capodanno cinese a Roma in una passata edizione
VIRUS CINA

Oms: "In Vietnam primo caso di contagio non importato"

Salito a 56 il bilancio delle vittime. Annullati festeggiamenti del Capodanno a Milano e Roma
Affluenza alle urne
REGIONALI

Affluenza in crescita alle urne

Rispetto all'ultima tornata, le elezioni richiamano al voto il doppio delle persone in Emilia-Romagna. Forte aumento anche in...
Il materiale sequestrato
TORINO

Clan favoriva l'immigrazione di islamici radicali

Il gruppo aveva come leader un tunisino 40enne, rimpatriato
Papa Francesco e Padre Gonzalo Aemilius
NOMINA IN VATICANO

Un prete di strada accanto a Francesco

Padre Gonzalo Aemilius, del clero di Montevideo, è il nuovo segretario personale del Papa
Papa Francesco all'Angelus
ANGELUS

"Fidiamoci della parola di Cristo che cambia il mondo e i cuori"

Nei saluti, il Papa ha ricordato l'anniversario della liberazione del campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau
Film Festival
CINEMA

Festival "Italia in the World": lunedì la presentazione

Promossa da Italiani nel mondo, la IV edizione è dedicata all'Australia
La scheda elettorale per le Regionali con i candidati dell'Emilia Romagna
GIUNTA E ASSEMBLEA LEGISLATIVA

Regionali in Emilia-Romagna e Calabria: 5 mln al voto

Scontro tra Bonaccini (Pd) e Borgonzoni (Lega) e, al Sud, tra Santelli (centro destra) e Callipo (Pd)
Il luogo del delitto
OMICIDIO AL NUOVO SALARIO

Roma, 43enne ucciso con colpi di pistola alla testa

Era in permesso premio. Gli investigatori ipotizzano una faida tra clan
ANIMALI

Sorpresa nelle acque del Salento

Sulla spiaggia di Frigole, in provincia di Lecce, la prova definitiva della presenza di un animale particolare
PALERMO

Giorgia, il lato bello della lotta

Presidente di Mete Onlus, si batte da sempre per i diritti dei più deboli. Il cancro? L'obiettivo è la Vita

Aprirci all'infinito come il mare

Abitare vicino al mare. È una prospettiva bella: il contatto con l’infinità manifestata nella...
Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella
MARIAPOLI - CADINE

Mattarella: "Chiara Lubich un grande segno di speranza nell'abisso della guerra"

Il presidente della Repubblica alle celebrazioni per il centenario della nascita della fondatrice del Movimento dei focolari