Aumentano le risse tra genitori alle partite dei figli, la Figc corre ai ripari

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

Anche sugli spalti degli stadi di calcio delle categorie giovanili si scatena la violenza. Secondo il quotidiano Repubblica, infatti, sarebbero in aumento le risse sulle gradinate. Ad azzuffarsi sono i genitori, accorsi per vedere il proprio figlio giocare. Un fenomeno diffuso e preoccupante, dove padri e madri si offendono, fino a far volare schiaffi e pugni, per difendere e incitare i propri figli. Insomma, non proprio un modello “sportivo” da seguire.

I casi più recenti

Due episodi sono al centro della cronaca di questi giorni in Toscana. A Pietrasanta, nel campo Pedonese di Marina, due squadre di Giovanissimi A (14 anni) erano impegnati in una partita con l’Atletico Carrara. Sugli spalti è partita una rissa coi genitori delle due formazioni. Ceffoni e pugni a destra e sinistra per dimostrare che il proprio figlio “ha più talento”, “è il più bravo”.

Un episodio simile è accaduto a Livorno, dove un calciatore del Gambia di 18 anni è stato insultato e, a seguito di una testata, è finito in ospedale. Come riportano i media locali, il giovane dell’Ardenza, secondo la testimonianza dell’allenatore, sarebbe stato prima oggetto di offese a sfondo razzista e poi raggiunto da un colpo “alla Zidane” da parte di un giocatore del Castiglioncello, società che, pur smentendo che in campo ci siano stati insulti, sta valutando quali azioni disciplinari prendere nei confronti del giocatore artefice della testata.

Tavecchio: “Siamo molto preoccupati”

“Siamo molto preoccupati” ha detto a Repubblica il presidente nazionale della Federazione Italiana Giuoco Calcio (Figc), Carlo Tavecchio: “Anche noi abbiamo verificato un aumento di casi, che pure potrebbe essere dovuto anche al fatto che il monitoraggio, da due anni a questa parte, è diventato costante”. Per questo motivo, la Figc ha deciso di correre ai ripari: incontri sistematici dei giocatori del settore giovanile scolastico, con allenatori, genitori, e dirigenti delle società. E, ogni 6 mesi, direttamente a cura dei 20 centri della Federcalcio, meeting sia con i ragazzi che con chiunque li segue in campo.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.