Arrestati i responsabili del rogo al negozio concorrente durante la quarantena

Il negozio faceva concorrenza nelle vendite a domicilio di frutta e verdura

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:49

I carabinieri del Comando provinciale di Torino hanno arrestato un commerciante di 35 anni e una sua dipendente, una donna di 47 anni, per aver incendiato il negozio vicino e così battere, durante il lockdown, facendo concorrenza nelle vendite a domicilio di frutta e verdura. Per il piromane, un italiano di 61 anni, che nell’appiccare il rogo si era ferito, è stato disposto l’obbligo di dimora per il piromane.

Il quarto uomo

Denunciato a piede libero per favoreggiamento anche un amico del mandante che ha svolto il ruolo di intermediario tra quest’ultimo e i due esecutori materiale dell’incendio, che hanno ricevuto la somma di 1000 euro per portare a compimento il reato.  

L’incendio del 20 marzo

L’incendio lo scorso 20 marzo a Michelino, comune dell’hinterland Torinese. Le indagini, partite in seguito al fermo del piromane, hanno consentito di ricostruire la dinamica dell’episodio, il movente del gesto che all’inizio poteva sembrare soltanto un mero atto vandalico, nonché di individuare il mandante e un complice. Il raid, premeditato, era finalizzato a danneggiare un negoziante concorrente durante l’emergenza Covid-19.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com