Alla deriva su un materassino, recuperato davanti alla Sicilia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

Nel Mar Mediterraneo i salvataggi sono all’ordine del giorno, dai tempi del mito fino alla cronaca recente. Di solito si tratta di naufraghi che hanno visto la propria imbarcazione affondare. Ma c’è anche si deve essere salvato perché è stato semplicemente sfortunato.

Lo Stretto sul materassino

Un turista di 27, Luigi Vazzana, di Reggio Calabria anni si è tuffato in mare con un materassino gonfiabile in uno stabilimento balneare a Scilla, nel reggino. Il giovane alla ricerca di un po’ di relax si è probabilmente addormentato sopra il gonfiabile e non si è reso conto che le correnti, molto forti in quella zona, lo spingevano sempre più a largo, nello Stretto di Messina che divide la Calabria e la Sicilia. Un suo amico e la famiglia hanno avvertito la Capitaneria di porto alle 19:45, allarmati perché il ragazzo non tornava a terra. Le ricerche sono partite sia in mare, con le motovedette, sia in aria in elicottero, anche se rese difficili dalla poca visibilità. Il ragazzo è stato individuato nove ore dopo, in piena notte ancora aggrappato al materassino stanco, impaurito e affamato. Era arrivato pressoché all’altro capo dello Stretto, a due miglia dalla Sicilia, davanti a Messina. Le operazioni di recupero sono state rese agevoli dal mare calmo. Riportato a Scilla, è stato affidato alle cure del 118 e poi è tornato a casa.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.