VENERDÌ 10 APRILE 2015, 000:01, IN TERRIS

ACQUA SPECIALE PER CURARE L'EBOLA, L'ULTIMA FOLLIA DI UN SANTONE

Il liquido sarebbe stato brevettato da lui stesso, e curerebbe anche il cancro e l'Hiv

CLAUDIA GENNARI
ACQUA SPECIALE PER CURARE L'EBOLA, L'ULTIMA FOLLIA DI UN SANTONE
ACQUA SPECIALE PER CURARE L'EBOLA, L'ULTIMA FOLLIA DI UN SANTONE
Ebola: una battaglia che non si sta combattendo solo sul fronte sanitario, infatti uno dei più grandi ostacoli alla cura, nei Paesi dove l’epidemia è più forte, è proprio quello di convincere i malati e i soggetti a rischio che i dottori possono aiutarli molto più dei santoni e di strani riti e preghiere: non è quindi solo il virus, ma anche l’ignoranza che favorisce il diffondersi della malattia, come dimostrano alcuni episodi in cui erano in cura i malati, che sono stati saccheggiati per liberarli, e rubare coperte e letti infetti.

Un altro caso eclatante, attorno a cui ancora non si è spenta la polemica, è il gesto generoso ma piuttosto controverso del santone nigeriano Tb Joshua. L’uomo ha infatti inviato in Sierra Leone 4.000 bottiglie di una sua acqua speciale benedetta da lui proprio come cura per l’Ebola. A detta del santone, questa acqua sarebbe stata anche brevettata da lui stesso, e curerebbe anche l’Hiv e il cancro, diventando uno dei cardini della sua ricchezza, gli ha infatti permesso di accumulare un patrimonio di oltre 15 milioni di dollari. Nonostante la donazione del santone sia gratuita, sono in molti a criticarlo pesantemente, accusando Joshua di speculare sulle paure della gente e di approfittare dei drammi sociali del suo continente, invece di investire in misure concrete che portano al progresso. A poco servono le polemiche: il seguito del santone è decisamente solido e i suoi fedeli hanno piena fiducia in lui, o sicuramente ne hanno più che nei medici.

Nonostante il gesto possa sembrare grave, il nostro secolo ci mostra brutalmente ogni giorno che il fanatismo religioso non può generare crescite positive per le popolazioni, in cima alla classifica dei peggiori crimini giustificati dalla religione abbiamo visto il crollo delle torri gemelle, oppure, per rimanere nel continente, la strage degli albini in Africa, o per guardare all’attualità, possiamo osservare le stragi dell’Isis e la loro distruzione di siti archeologici millenari.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
L'esondazione dell'Enza a Lentigione (ph Reggionline)
MALTEMPO

Esonda la Parma, allagata la Reggia di Colorno

Trovato senza vita sotto una valanga l'ex sindaco di Vogogna
Il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni
GENTILONI

"Il mancato accordo su Brexit è un pericolo per la Ue"

L'intervento del Premier al Senato in vista del prossimo Consiglio europeo di Bruxelles
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Reggia di Caserta
CROLLO NELLA SALA DELLE DAME

Reggia di Caserta: al via controlli intonaci e restauro soffitti

Il restauro del soffitto danneggiato dovrebbe essere ultimato entro al fine di gennaio 2018
Il Papa con alcuni migranti
CONVEGNO

Chiese unite contro la xenofobia

Da domani vertice ecumenico in Vaticano