Abitazioni fantasma in affitto, arrestato truffatore a Ischia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

Estate, tempo di vacanze. E per qualche furbetto anche tempo di truffe ai danni dei tanti turisti che ogni anno scelgono l’Italia e le spiagge del Sud come meta. E’ quello che è accaduto ad Ischia, dove un uomo è stato arrestato per truffa aggravata e continuata. Aveva guadagnato migliaia di euro affittando case o appartamenti inesistenti o non di sua proprietà; pubblicizzava le abitazioni tramite annunci su internet. L’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti dell’indagato, eseguita dagli uomini dell’arma, è stata emessa dal gip di Napoli su richiesta della Procura partenopea.

Abitazioni fantasma

Come riportano diversi media campani, l’uomo aveva messo in piedi un vero e proprio sistema di truffe che gli aveva permesso di spillare soldi a una trentina di malcapitati turisti. Ma il reato non si limitava alla sola isola del Tirreno. Sul web pubblicava anche annunci di case in affitto a Rimini, Riccione e Gallipoli. Quindi intascava la caparra versata su un conto corrente sotto falso nome. Un giro d’affari che ha portato nel portafogli dell’uomo, che ora si trova nel carcere di Poggioreale, circa 15 mila euro.

Truffe in Riviera

Nei giorni scorsi, come riportano diversi media locali, si è verificata una truffa informatica a danni di una donna di 42 anni. La signora aveva prenotato una casa a Marina di Cattolica, versando una caparra di 800 euro tramite pagamento con PostePay. Recatasi sul posto, ha scoperto che non esisteva nessuna abitazione. Ha così denunciato i due autori del raggiro ai carabinieri. In poche ore gli inquirenti hanno arrestato un uomo di 52 anni e una donna di 33 anni.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.