38enne in cassa integrazione arrestato per spaccio a Carrara

Operaio 38enne occulta droga in giardino e giustifica lo spaccio per problemi economici, rimandato a giudizio a ottobre

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04
Un arresto dei carabinieri (immagine di repertorio)

L’uomo 38enne era in evidenti difficoltà economiche. Ed è stato trovato in possesso di 13 dosi di cocaina e quasi un etto di hashish. Una parte della droga era stata nascosta all’interno del camino. Il resto degli stupefacenti erano invece custoditi in un box auto nel giardino della sua abitazione. Per quanto l’uomo si sia giustificato al momento dell’arresto adducendo motivi economici, i Carabinieri lo hanno trovato in possesso anche di un bilancino e di materiale adatto a confezionare dosi di droga.

Arrestato cocainomane dopo appostamenti

La stessa versione dei fatti il 38enne l’ha ripetuta davanti al giudice per le indagini preliminari. L’uomo era incensurato. Ma i Carabiniere di Carrara lo avevano seguito perché visto avventurarsi troppo spesso in quartieri ben noti per lo spaccio. Dopo alcuni giorni di appostamenti i militari  hanno deciso di agire. Quando lo hanno trovato in compagnia di persone legate al mondo della droga, lo hanno fermato  mentre era alla guida della propria auto. Una volkswagen New Beetle, facilmente riconoscibile.

Confessa in caserma, “spaccio perchè sono povero”

In caserma, dopo la perquisizione, il 38enne ha ammesso le sue colpe confessando di aver agito per arrotondare i guadagni, dopo la cassa integrazione. Il giudice Dario Berrino, finita l’udienza di convalida, lo ha sottoposto all’obbligo di presenza giornaliera in caserma. Il processo è stato fissato per metà ottobre per dar modo alla difesa di prepararsi.

“Droga e mancanza di lavoro fanno crescere la criminalità”

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.