SABATO 09 MARZO 2019, 00:01, IN TERRIS

Popping: la danza che "cura" il Parkinson

Un ballo di strada aiuta e allevia le sofferenze dei malati

MARCO MANAGÒ
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Popping
Popping
I

l popping, una “danza di strada” di origine statunitense che deriva dal termine “pop” (scoppio), nata tra gli anni ‘60 e ‘70 e caratterizzata da movimenti veloci e ritmici, che impegna il corpo in una serie convulsa di contrazioni e vibrazioni. Proprio per questa sua natura è la danza più adatta per contrastare, con efficacia, gli effetti del morbo di Parkinson.


La malattia

Questa patologia neurodegenerativa che, il cui nome deriva dal medico inglese che l'ha scoperta nel 1817, danneggia e distrugge alcune cellule cerebrali (quelle che rilasciano dopamina, situate nel mesencefalo). Si caratterizza, essenzialmente, per l’effetto devastante che esercita sul corpo e nei movimenti, costringendo a una lentezza innaturale, a rigidità, a tremolio e a difficoltà di deglutizione. Non meno critica, tuttavia, è la ripercussione a livello mentale e motivazionale, per la perdita di autonomia e per il venir meno dei movimenti più semplici e naturali degli arti; la malattia produce anche conseguenze negative sulle capacità cognitive, accompagnate, spesso, a depressione e demenza. L’origine del morbo non è ancora chiara e non si comprende, inoltre, il motivo dell’aumento dei malati. Le cure disponibili al momento, farmacologiche chirurgiche e riabilitative permettono solo di rallentare gli effetti della malattia non di debellarla o di ricreare le condizioni ottimali originarie.


Terapia musicale

Il popping (spesso confuso con la breakdance) rientra a pieno titolo nella danzamovimentoterapia, in cui, con profitto, il popper abbina il corretto movimento del corpo a una distensione mentale per arrivare al beneficio desiderato. L’ambiente comunitario e sereno di un luogo ove svolgere attività danzanti, in armonia con la musica diffusa, rilassa il soggetto alle prese con patologie mentali e favorisce il movimento costante ed equilibrato di coloro che hanno problematiche motorie.

Il ritmo, la creatività e la socialità sono gli elementi essenziali, alla base del beneficio che la danzamovimentoterapia può arrecare all’individuo. Essa consente, attraverso una stimolazione di energia di tutto il corpo, di trasmettere all’esterno le emozioni e il vissuto propri della persona. E’ praticabile da tutti, senza limitazioni di età e giova all’aspetto fisico, psichico e relazionale.


L'associazione

L’Associazione Professionale Italiana Danzamovimentoterapia (Apid), afferma che “La danzamovimentoterapia è una modalità specifica di trattamento di una pluralità di manifestazioni della patologia psichica, somatica e relazionale”. La precisazione riguardante la delicata professionalità che opera in tale settore è doverosa: “Si denomina 'danzamovimentoterapeuti' (dmt) una classe di figure professionali operanti in campo clinico e/o socioeducativo, con funzioni di prevenzione, riabilitazione e terapia, per mezzo del linguaggio corporeo (danza e movimento) nelle sue valenze rappresentative, comunicative e simboliche”.Tali figure riguardano insegnanti di danza, fisioterapisti, psicologi, psicoterapeuti ed educatori.


L'iniziativa

In questo senso si può leggere la brillante iniziativa di Simone Sistarelli, un giovanissimo ballerino italiano residente a Londra che ha lanciato il “Popping for Parkinson’s” (www.poppingforparkinsons.com). Sulla scorta di esperienze già vissute in Inghilterra, Sistarelli ha avuto, infatti, la felice intuizione di armonizzare i tempi e i movimenti convulsi e tremolanti del popping a quelli, simili, del Parkinson, evidenziando una contrazione e un rilascio muscolare molto affini fra le due condizioni. I risultati sono positivi e le sue iniziative hanno un riscontro sempre crescente, con evidenti benefici a livello psichico e fisico.


Successo

Una peculiarità curiosa del popping, è quella relativa al percorso avvenuto fra la sua nascita e la sua diffusione attuale. Nata come una danza di strada, ha attraversato, con i suoi praticanti, tutte le dure circostanze annesse all’ambiente, quali il freddo, il caldo, la scomodità, le persone poco affidabili, i rischi in generale. Al tempo stesso, da tale origine di strada, è giunta sin nelle palestre e nei centri di danza e, con un’ambientazione decisamente più comoda, non si è svilita, è riuscita, comunque, a non perdere la sua essenza e a trasmettere le stesse sensazioni, aiutando il recupero psicofisico. Il segreto di questa forza è, probabilmente, nella simbiosi e nella natura dei movimenti. Questi, infatti, per loro origine convulsi (stimolati dai ritmi della strada) e all’apparenza innaturali, sono, invece, genuini e naturali, in linea con l’energia del nostro corpo e salutari per tutti, senza controindicazioni.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il vertice di maggioranza
GOVERNO

Manovra, braccio di ferro sulle microtasse

Frizione Italia Viva-Pd, sospeso il vertice. Bellanova: "Con plastic e sugar tax si rischia il disastro occupazionale"
Pedoni solitari
53° RAPPORTO CENSIS

Italiani sempre più ansiosi e dipendenti da smartphone

Lo scenario politico odierno è affollato da "non decisioni"
Bimba in lacrime al nido
VARESE

Maltratta i bimbi e si apparta col compagno: maestra sospesa

"Guardati, fai schifo", "piangi che così ti passa" sono le frasi rivolte alle piccole vittime del...
Volontarie della croce rossa e personale ospedaliero
SALUTE

Firmato accordo tra Croce rossa e Campus bio-medico

Le crocerossine, con la loro attività di volontariato, supporteranno l’attività infermieristica

Sondaggio che va, sondaggio che viene

Abbiamo sottolineato più volte che la politica ormai è scandita da sondaggi. Bene che vada settimanali....
Parte del manifesto blasfemo apparso a Bologna

Un'offesa alla Mamma Celeste

A Bologna, una festa universitaria diventa blasfema
Donald Trump
KIEVGATE

Via libera all'impeachment: cosa rischia Trump

L'annuncio della speaker Nancy Pelosi ha mandato su tutte le furie il presidente. Ma c'è lo scoglio del Senato
Concilio Vaticano II

Pietro non fa politica

La tentazione è vecchia di due millenni: cercare di tirare la bianca veste verso una parte,...
Palazzo Chigi
GOVERNO

Manovra, salta l'intesa in Cdm

Ok alla riforma del processo civile ma Italia viva fa muro su sugar e plastic tax. Conte: "L'esecutivo va avanti"
AFRICA

Ecco chi sono le 14 persone rapite dall'Isis

La notizia è stata diffusa dal Site
L'elemosiniere di Sua Santità, Konrad Krajewski, e Andrea Riccardi, fondatore della Comunità di Sant'Egidio, mentre accolgono i 33 profughi provenienti da Lesbo a Roma Fiumicino - Foto © Sir
CHIESA IN USCITA

L'elemosiniere del Papa: "Se aprissimo le nostre parrocchie, a Lesbo non ci sarebbero più profughi"

Parla il cardinale Krajewski, giunto a Fiumicino ad accogliere 33 rifugiati
MILANO

Dramma fuori dalla metro, clochard muore di freddo

L'appello del sindaco Sala ai cittadini: "Invitateli ad andare nei centri"