MERCOLEDÌ 02 GENNAIO 2019, 11:00, IN TERRIS


SALUTE

Epidemia di sifilide in Australia

Ci sono stati finora sette decessi in bambini contagiati dalla madre

MILENA CASTIGLI
Test della sifilide
Test della sifilide
A

 volte ritornano. Stiamo parlando di malattie potenzialmente mortali che si credevano superate da secoli. Invece, come scritto nell'incipit, a volte si ripresentano in determinati contesti, creando allarme e paura. E' il caso della sifilide, malattia infettiva a prevalente trasmissione sessuale causata da un batterio, il Treponema pallidum.

Oltre che per via sessuale, il contagio può estendersi al feto, nella donna gravida con infezione recente, attraverso la placenta. In tal caso, il feto presenta un quadro di sifilide congenita con malformazioni che possono interessare la cute e le mucose, l'apparato scheletrico, l'occhio, il fegato, il rene e il sistema nervoso centrale. In alcuni casi, se non curata correttamente, può portare alla morte.


Australia

Come avvenuto recentemente in Australia, dove sette bambini hanno recentemente perso la vita proprio a causa della sifilide congenita - ossia trasmessa dalla madre al feto - da quando l'epidemia è stata accertata nel Queensland nel gennaio 2011. L'origine del focolaio era inizialmente contenuta nel North End, ma si sarebbe poi diffusa ulteriormente in tutto il continente australiano. Ad agosto sono stati osservati i primi casi segnalati nello stato di Victoria nel sud est, a distanza di 14 anni dall'ultimo. Successivamente, anche l'Australia del Sud ha visto un bambino nato con la malattia dagli esiti potenzialmente mortali l'anno scorso, il primo in 18 anni. Nel complesso, ci sono stati 15 casi di sifilide congenita dall'inizio dell'epidemia, tra circa 2400 in totale.

Sebbene si tratti di una malattia facilmente curabile se presa nelle sue fasi iniziali, gli esperti avvertono che ci vorranno anni per ridurne le conseguenze a livello nazionale. Per affrontare il problema dei giovani sessualmente attivi e transitori che possono diffondere la malattia con rapporti sessuali non protetti, il governo australiano ha implementato di 12,4 milioni di dollari australiani (pari a 7,65 milioni di euro) il suo programma di test del sangue. Il finanziamento "estenderà e sostiene test e trattamenti immediati" nelle comunità aborigene e delle isole dello Stretto di Torres nell'Australia settentrionale, meridionale e centrale. 

I casi di infezione accertata riguardano prevalentemente i giovani tra i 15 ei 29 anni. Quasi 120 professionisti sanitari sono stati formati per utilizzare i kit di test e oltre 4000 persone sono state sottoposte a screening da parte di servizi sanitari finanziati nelle prime fasi del programma. Il ministro per la salute indigena Ken Wyatt ha dichiarato che la diagnosi e il trattamento immediato "promettono un importante passo avanti nella riduzione della diffusione della malattia". "Stiamo facendo progressi, ma il fatto che questa malattia prevenibile e curabile eppure mortale dilaghi in alcune comunità aborigene è una tragedia che non dovrebbe mai essere permessa", ha concluso Wyatt, che ha anche invitato gli stati e i territori ad aumentare il loro impegno a livello locale. Affinchè malattie che si ritenevano "estinte", non tornino a mietere vittime come in epoca medievale.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Ousseynou Sy e il bus distrutto dalle fiamme
SAN DONATO MILANESE

Bus dirottato, i pm: "Sy resti in carcere"

Secondo gli inquirenti sussiste il pericolo di reiterazione. Al vaglio le dichiarazioni dell'autista
Corteo Festa del Tricolore a Catania
CATANIA

All'ospedale giovane aggredito da 30 antifascisti

Il 18 stava distribuendo volantini di una comunità giovanile identitaria: rotto uno zigomo
Bambino al rubinetto dell'acqua
GIORNATA MONDIALE DELL€ACQUA

Unicef: "Più bimbi morti per diarrea che per proiettili"

Oltre 4,5 miliardi di persone non usano servizi igienico-sanitari sicuri
Aereo che ha portato Xi a Roma
ACCORDO ITALIA-CINA

Conte e Di Maio difendono la Via della Seta

Premier e vicepremier 5Stelle: "Nuove opportunità". E intanto giungono critiche dal Finantial Times
LORETO

Al via il pellegrinaggio dei giovani dell'Unitalsi

Una delegazione donerà al Papa un simbolo dell'Associazione
La stazione Termini a Roma
STAZIONE TERMINI

Paura in centro a Roma: minaccia i passanti con una pala

Prima aveva tentato di rapinare un'edicolante nella Galleria
Il bus incendiato nel milanese
LA CIRCOLARE

Viminale: stretta sulle patenti degli autisti dei bus

Maggiori controlli e raccordo operativo con le motorizzazioni civili
Cina: la violenta esplosione nell'impianto chimico
CINA

Esplode impianto chimico: 47 morti

Il presidente Xi in visita in Italia: "Massimo sforzo per salvare vite umane"
Il Fronte al-Nusra
ABRUZZO E ALTRE REGIONI

Finanziavano i terroristi: 20 indagati

Le ipotesi investigative sarebbero riconducibili al movimento radicale islamico Al-Nusra
La tendopoli
SAN FERDINANDO

Ancora un rogo: morto un migrante

Incendio nella tendopoli che ospita le persone sgomberate dalla vecchia baraccopoli