GIOVEDÌ 04 GIUGNO 2015, 19:06, IN TERRIS

DROGHE, ALLARME EUROPEO: STIMOLANTI SEMPRE PIU' FORTI

Inoltre sono circa 100 le nuove sostanze catalogate

AUTORE OSPITE
DROGHE, ALLARME EUROPEO: STIMOLANTI SEMPRE PIU' FORTI
DROGHE, ALLARME EUROPEO: STIMOLANTI SEMPRE PIU' FORTI
Nonostante il mercato dell’eroina sia in calo, rimane costante quello degli stupefacenti stimolanti. Ma c’è di più: aumenta infatti la purezza delle sostanze e le nuove droghe sono in continua espansione, rimane sempre la cannabis lo stupefacente più consumato dagli europei. Questo è ciò che emerge dalla Relazione europea sulla droga 2015, presentata oggi a Lisbona dall’Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze. Secondo le stime, oltre 80 milioni di adulti, cioè almeno un quarto della popolazione europea, hanno provato sostanze illecite nel corso della vita.

Nonostante sembra che il consumo di eroina sia in calo – si è passati dai 59 mila nel 2007 ai 23mila nel 2013 – preoccupa l’incremento della produzione di oppio in Afghanistan negli ultimi 2 anni, Paese da cui proviene la maggior parte dell’eroina consumata in Europa. “Ciò potrebbe determinare una maggiore disponibilità di eroina sul mercato europeo”, si legge nel rapporto.

Ciò che preoccupa di più è comunque la crescente purezza delle droghe stimolanti. Con circa 3,4 milioni di adulti e 2,3 milioni di giovani adulti (15-34 anni) che l’hanno consumata almeno una volta nell’ultimo anno, la cocaina continua ad essere la sostanza di elezione in Europa. Inoltre, secondo il dato più aggiornato presente nel rapporto, sono oltre 100 le nuove sostanze illegali catalogate dall’Osservatorio nel 2014. “L’anno scorso nell’Ue sono state individuate nuove sostanze psicoattive al ritmo di circa due a settimana - spiega il rapporto -. Sono state segnalate un totale di 101 sostanze nuove nel 2014 (fino a 81 sostanze nel 2013), mantenendo una tendenza all’aumento delle sostanze segnalate in un unico anno. Secondo la stima, nel 2013 i decessi per overdose sono stati circa 6.100, una cifra in leggero aumento rispetto al dato del 2012. Decessi che riguardano almeno per l’8% soggetti di età inferiore a 25 anni.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"
Arte sacra, Calabria
ARTE SACRA

La Calabria della fede raccontata in un libro

Il volume raccoglie 173 santuari in altrettante schede con contenuti iconografici, bibliografici e archivistici
Il ciclista Chris Froome
CICLISMO

Chris Froome positivo al doping

Trovate tracce superiori al consentito di salbutamolo. Ad annunciarlo l'Uci
Il logo di Confindustria
CONFINDUSTRIA

"Il Pil cresce, Italia al bivio dopo il voto"

Il Centro studi rivede al rialzo le stime del 2018 ma avverte: "C'è il rischio arretramento"
Recep Tayyip Erdogan
CAOS GERUSALEMME

Erdogan al vetriolo: "Israele terrorista"

Il presidente turco apre il vertice dell'Oic: "La Città santa sia capitale della Palestina"