GIOVEDÌ 21 MARZO 2019, 11:00, IN TERRIS

Come riconoscere un raffreddore da un'allergia

L'arrivo della primavera accentua i fastidi degli allergici, ma spesso si fa confusione

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Uomo starnutisce
Uomo starnutisce
I

eri alle 22.58 è arrivata la primavera. Questo periodo dell'anno rende i prati in fiore, ma non solo: rende anche gli starnuti di tante persone molto più frequenti. Le allergie, infatti, sono fastidio diffuso, accentuato dai pollini nell'aria. Eppure non sempre il problema è legato a un'allergia: a cavallo tra marzo e aprile le temperature sono ancora basse e gli starnuti, smentendo le nostre convinzioni, potrebbero essere dovuti anche ad un raffreddore. A differenza di quanto comunemente si crede, del resto, non è affato semplice distinguere una allergia da un raffreddore.


Come riconoscerli

Su Bologna Today ne ha parlato Gaia Deleonardi, responsabile autoimmunità e allergologia presso il Lum dell’Ospedale Maggiore di Bologna. A quanto pare i primi fattori da considerare quando si parla di allergia sono l’inquinamento e il clima. “Quest’anno, con un inverno poco freddo per esempio, stiamo assistendo a tante fioriture anticipate e anche importanti. Il fattore inquinante invece può modificare il potere allergizzante di alcuni pollini“, ha spiegato l’esperta. Ovviamente la questione - come sottolinea VelvetBody - è molto più complessa e varia da individuo a individuo: “Intanto in genere c’è familiarità e quindi una predisposizione genetica. Un’allergia si manifesta con starnuti, prurito agli occhi e al palato, rinorrea acquosa e non mucolitica (tipica invece di un raffreddore), giornate peggiori o migliori a seconda del vento e di altri fattori ambientali”, ha dichiarato.


I bambini

Un discorso a parte meritano, secondo la dott.ssa Deleonardi, i bambini. “Con i bimbi ci accorgiamo che si tratta di allergia perché dopo del tempo trascorso all’aria aperta si manifesta prurito non solo sul viso ma anche sulle gambe, nonché eruzioni cutanee. Ricordiamo che l’allergico ha problemi anche con alcuna frutta e verdura: la pesca prima fra tutti, insieme a melone e cocomero, per le verdure per esempio la carota e il finocchio”, ha detto. A volte recarsi dal pediatra non si rivela sufficiente: “Finché l’allergia è gestibile va bene andare dal pediatra per la prescrizione di antistaminico o di uno spray nasale. Qualora però la forma allergica si aggravasse in una forma più importante (tipo asma bronchiale), allora va fatta una visita specialistica. Il prick-test (un test allergologico cutaneo) è un metodo veloce e sensibile, un’ottimo esame di primo livello che già riesce a dire molto”, ha concluso.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Un aereo Alitalia
TRASPORTI

Alitalia, Fs sceglie Atlantia

Erano quattro le offerte sul tavolo. Fuori la Toto, c'è l'Spa con Mef e Delta
NERA

Lancia la figlia di 16 mesi dal balcone, poi tenta suicidio

Ancora poco chiaro il movente che ha spinto l'uomo al tragico gesto
Giornalismo
IL CASO

Caso Mihajlovic-Zazzaroni. Il confine scivoloso fra professione e amicizia

La difficile battaglia del mister, le scuse del giornalista: i complessi corollari di un dramma che diventa polemica
La sindaca Chiara Appendino
PIEMONTE

Torino, Appendino "licenzia" il vice sindaco

Per Guido Montanari fatali i contrasti sul Salone dell'Auto
Il Presidente Sergio Mattarella tra gli scuot
QUIRINALE

Mattarella: "Sottolineate la bellezza della condizione umana"

Il capo dello Stato agli scout: "Vivere insieme serenamente fa vivere meglio tutti"
MOBILE

Huawei investe in Italia: "Tre miliardi in tre anni"

Il colosso cinese pronto al piano europeo. Miao (Ceo Italia): "Previsti oltre 1000 posti di lavoro diretto"