Zelensky contro i piloti russi: “Hanno il vuoto al posto del cuore”

Le parole del presidente ucraino in un video su Telegram. L'appello dei cittadini per de-russificare i nomi delle strade e delle piazze della città

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:38
Huta 21/12/2021 - guerra in Ucraina / foto Imago/Image nella foto: Volodymyr Zelenskyy ONLY ITALY

Hanno il vuoto al posto del cuore, al posto dell’anima, al posto di tutto ciò che rende umano”, con queste parole, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, ha descritto i piloti russi. Lo ha fatto in un video caricato su Telegram nelle prime ore di oggi. Zlensky, citato dalla Cnn, ha anche affermato che le truppe di Mosca hanno colpito ieri con razzi la regione di Zhytomyr e che un aereo russo è stato abbattuto nella regione di Kharkiv, vicino a Chuhuiv. Il presidente ucraino ha aggiunto che anche i civili sono stati presi di mira nella regione di Zaporizhzhia. “Quattro bambini sono stati ricoverati in ospedale. Due sono in gravi condizioni”, ha affermato.

Cresce la presenza di Mosca nello spazio aereo ucraino

Inoltre, secondo quanto riferito dall’esercito dell’Ucraina, come riportato dalla Bbc, le forze russe hanno aumentato la loro presenza nello spazio aereo dell’Ucraina nelle ultime 24 ore. “Oltre all’uso di molti velivoli senza pilota, il nemico usa bombardieri, aerei d’assalto e da combattimento, missili da crociera e missili balistici in varie direzioni”, ha dichiarato il Comando dell’Ucraina in un comunicato. Nella nota, inoltre, viene affermato che ieri sono stati abbattuti un aereo, due elicotteri e sei droni russi.

L’appello dei cittadini

I residenti di Uzhgorod, città dell’Ucraina occidentale al confine con la Slovacchia e l’Ungheria, hanno fatto appello alle autorità locali per de-russificare i nomi delle strade e delle piazze della città. Lo riporta l’Agenzia Unian. “Strade, piazze, vicoli della nostra città prendono il nome da politici, letterati e personaggi dell’arte russi che non hanno niente a che vedere con la Transcarpazia e Uzhgorod, e quindi sono un atavismo della precedente politica culturale sovietica”, si legge nella lettera inviata alle autorità locali. I cittadini sottolineano che la perpetuazione del nome di persone non coinvolte nella cultura e nella storia della Transcarpazia non è appropriata e per questo chiedono di “avviare il processo di de-russificazione della città secondo la procedura stabilita dalla legge”. In particolare, l’elenco delle strade da rinominare ne include alcune intitolate a Yuri Gagarin, Pushkin e Chekhov. Il documento chiede anche di smantellare il busto del poeta russo Aleksandr Pushkin nella zona centrale di Uzhgorod. “In questi giorni abbiamo nuovi eroi che sacrificano la loro vita per il nostro Paese. Dobbiamo perpetuare e custodire la loro memoria. Durante il periodo sovietico furono banditi”, affermano gli autori dell’appello.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.