Yoon Suk-yeol ha giurato: è il nuovo presidente della Corea del Sud

Yoon Suk-yeol ha prestato giuramento come nuovo presidente della Corea del Sud in una grande cerimonia allestita nella piazza dell'Assemblea nazionale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:32
Il neo presidente della Corea del Sud, Yoon Suk-yeol

Yoon Suk-yeol ha prestato giuramento come nuovo presidente della Corea del Sud in una grande cerimonia allestita nella piazza dell’Assemblea nazionale alla presenza di 40mila persone, entrando in carica in un momento di forti tensioni con il Nord. “Giuro solennemente davanti al popolo che svolgerò fedelmente i doveri di presidente”, ha scandito Yoon, un ex procuratore generale conservatore di 61 anni.

Al termine, Yoon si è diretto verso la nuova sede presidenziale, scelta come segnale della volontà di “avvicinarsi al pubblico”: la Blue House (Cheong Wa Dae), l’ex ufficio presidenziale costruito su un maestoso complesso ai piedi di una montagna. Allo scoccare della mezzanotte, la nuova amministrazione è stata accolta dai suoni di campane nel centro di Seul.

Yoon Suk-yeol: “Piano audace di aiuti a Corea Nord se denuclearizza”

Nel suo discorso – scrive TgCom24 – il neo-presidente ha promesso una maggiore vicinanza a Usa e Giappone e un’agenda conservatrice, soprattutto sul ruolo delle donne. Yoon Suk-yeol ha quindi promesso un piano “audace” di aiuti per migliorare in modo significativo l’economia e la vita delle persone della Corea del Nord se il Paese eremita “sospenderà lo sviluppo nucleare e passerà a una sostanziale denuclearizzazione”. Ha poi affermato di voler lasciare “la porta aperta al dialogo” con il Nord, definendo i suoi programmi atomici una “minaccia per la nostra sicurezza e per quella del nordest asiatico”.

Yoon dovrà impegnarsi in una dura battaglia per evitare la crisi economica, ottenere la cooperazione di un parlamento controllato dall’opposizione (il Partito democratico ne ha 168 seggi su 300) e tenere a freno le minacce del Nord. Il neo-presidente ha iniziato il mandato di 5 anni a mezzanotte nel bunker sotterraneo del nuovo edificio degli Uffici presidenziali a Yongsan, con un briefing del Comando di Stato maggiore congiunto.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.