COP 26, Von der Leyen: “Non ci sarà più tempo per fermare il cambiamento climatico”

"Abbiamo raggiunto un traguardo importante: la Ue ha esportato finora oltre un miliardo di vaccini Covid-19 nel resto del mondo"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:10

Non ci sarà più tempo per fermare il cambiamento climatico. L’Unione europea sta mantenendo le sue promesse con il Green Deal. Ma per raggiungere i nostri obiettivi e salvare il nostro pianeta abbiamo bisogno dell’impegno del mondo intero alla Cop26″. Lo scrive su Twitter la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, sottolineando che tutti sono “in prima squadra” nella lotta al cambiamento climatico e possono “fare la differenza”. La Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (Cop26) si terrà a Glasgow dal 31 ottobre al 12 novembre.

Von der Leyen: “Ue ha esportato oltre 1 miliardo di vaccini”

“Abbiamo raggiunto un traguardo importante: la Ue ha esportato finora oltre un miliardo di vaccini Covid-19 nel resto del mondo”, spendendoli “in più di 150 Paesi, tra cui Giappone, Turchia, Regno Unito, Nuova Zelanda, Sud Africa, Brasile”, ha detto von der Leyen, sottolineando che 87 milioni di dosi sono state consegnate ai Paesi a reddito medio-basso attraverso la piattaforma Covax. “Abbiamo mantenuto la promessa, abbiamo sempre condiviso la nostra capacità di produzione equamente con il resto del mondo” con “almeno una dose su due prodotta in Ue inviata all’estero”, ha aggiunto.

“Oltre all’export, la Ue sta facendo la sua parte: doneremo almeno 500 milioni di dosi ai più vulnerabili, ma altri Paesi devono farsi avanti. Per questo lavorerò a stretto contatto con il primo ministro Draghi e il presidente Biden per radunare i leader del G20 la prossima settimana al vertice di Roma dietro all’ambizioso obiettivo di sconfiggere la pandemia globale”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.