Viminale: da inizio anno sbarcati in Italia quasi 15mila migranti, è record

Sono finora 14.768 le persone migranti sbarcate sulle coste da inizio anno. Nello stesso periodo, lo scorso anno furono 5.161

ULTIMO AGGIORNAMENTO 6:05

Sono finora 14.768 le persone migranti sbarcate sulle coste da inizio anno. Nello stesso periodo, lo scorso anno furono 5.161 mentre nel 2019 furono 1.568. Il dato è stato diffuso dal Ministero degli Interni, considerati gli sbarchi rilevati entro le 8 di martedì primo giugno.

Cifre record

Il 31 maggio sono state 280 le persone registrate in arrivo sulle nostre coste che hanno fatto salire a 5.679 il totale delle persone arrivate via mare nel nostro Paese in un mese. Si tratta di una cifra record: l’anno scorso, nello stesso mese, furono 1.654, mentre nel 2019 furono 782. Ieri, primo giugno, sono state 76 le persone rilevate in arrivo. L’anno scorso, nel mese di giugno, furono 1.831, mentre nel 2019 furono 1.218.

Le nazionalità dei migranti

Dei quasi 14.800 migranti sbarcati in Italia nel 2021, 2.531 sono di nazionalità bengalese (17%), sulla base di quanto dichiarato al momento dello sbarco; gli altri provengono da Tunisia (2.013, 14%), Costa d’Avorio (1.379, 9%), Eritrea (969, 7%), Guinea (914, 6%), Egitto (914, 6%), Sudan (878, 6%), Marocco (572, 4%), Mali (557, 4%), Algeria (427, 3%) a cui si aggiungono 3.614 persone (24%) provenienti da altri Stati o per le quali è ancora in corso la procedura di identificazione.

Migliaia i minori non accompagnati

Fino ad oggi sono stati 2.660 i minori stranieri non accompagnati ad aver raggiunto il nostro Paese via mare. Il dato è aggiornato al 31 maggio. I minori stranieri non accompagnati sbarcati sulle coste italiane lungo tutto il 2020 sono stati 4.687, 1.680 nel 2019, 3.536 nel 2018 e 15.779 nel 2017.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.