La Variante Delta si diffonde molto velocemente, come la varicella

Secondo uno studio pubblicato dal CDC degli Stati Uniti la Variante Delta si diffonde molto velocemente, la prevenzione è quindi fondamentale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:37

A causa della sua trasmissibilità due volte più elevata rispetto al ceppo originario del Covid – 19, la Variante Delta sta divenendo predominante nei nuovi contagi e sta contribuendo a creare una nuova ondata pandemica, fortunatamente meno letale grazie all’accesso universale alle cure vaccinali.

Lo studio promulgato dal CDC degli Stati Uniti

Tanto premesso, uno studio pubblicato dal Centers for Disease Control and Prevention degli Stati Uniti e pubblicato dal Washington Post, ha evidenziato che, la sopraccitata Variante, si diffonde in maniera molto più facile e veloce, similmente alla varicella e, a tal proposito, considerata la carica virale conseguente alla Variante Delta, al fine di prevenire nuovi contagi, il CDC ha posto in essere nuove raccomandazioni – rivolte ai vaccinati e non, quali ad esempio indossare la mascherina negli ambienti pubblici e nelle circostanze ove non è possibile mantenere il distanziamento sociale. Oltre a ciò, lo studio in esame, ha sottolineato che, negli Stati Uniti, per quanto concerne le nuove infezioni, vi sono 35 mila nuovi casi sintomatici la settimana tra i 162 milioni di cittadini che ci sono sottoposti alla terapia vaccinale e, conseguentemente a ciò, e stato evidenziato che, per la popolazione anziana, il contagio da codesta variante aumenta fortemente il rischio di ospedalizzazione anche se gli stessi sono vaccinati.

Fondamentale prevenire il contagio

Rispetto a quanto precedentemente esemplificato è fondamentale ricordare che, la Variante Delta, ha una carica virale 1260 volte più elevata rispetto alla patologia inizialmente diffusa e i tempi di incubazione della stessa sono molto più brevi, questo rende il tracciamento dei contagi molto difficile e la conseguente trasmissione più probabile se non si adottano le giuste misure di prevenzione.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.