Usa, Twitter e FB bloccano un post della portavoce della Casa Bianca

Twitter ha bloccato la una notizia del New York Post sui rapporti tra Hunter Biden, il figlio di Joe Biden, e una società ucraina

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:29
twitter

Twitter e Facebook hanno bloccato l’account della portavoce della Casa Bianca, Kayleigh McEnany, per aver condiviso una notizia del New York Post sui rapporti tra Hunter Biden, il figlio di Joe Biden – il concorrente democratico alla corsa presidenziale – e una società ucraina.

Le motivazioni del blocco di Twitter e FB

Fb e Twitter hanno fermato la diffusione del presunto scoop del New York post in attesa di verificarne la veridicità. Questa la motivazione dei sue colossi social, sempre più apertamente schierati contro la governance repubblicana.

“L’hanno bloccata perché cercava di diffondere la verità” ha commentato il presidente Usa Donald Trump durante un comizio in Iowa. McEnany, dal canto suo, ha parlato direttamente di “censura” che non dovrebbe avere posto in America.

Stasera diretta TV tra Trump e Biden

Saltato il dibattito presidenziale, sarà duello tv a distanza stasera tra Donald Trump e Joe Biden. La commissione aveva deciso di cambiare il format del duello in virtuale dopo che il presidente era risultato positivo al coronavirus. Entrambi i candidati alla presidenza Usa si sfideranno davanti a milioni di telespettatori rispondendo alle domande degli elettori nel format del ‘townhall’.

Nbc ha infatti reso noto che il presidente sarà sul palco a Miami alla stessa ora dell’evento televisivo già programmato da Biden da Philadelphia e trasmesso da Abc. Il primo duello televisivo tra i due sfidanti alla Casa Bianca fu un vero scontro con offese reciproche.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.