Ungheria: Orban stravince le elezioni e il quarto mandato. Putin si congratula

Viktor Orban stravince le elezioni con il 53% dei voti, contro il 35% dell'opposizione e conquista il quarto mandato di seguito

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:13

Viktor Orban stravince le elezioni con il 53% dei voti, contro il 35% dell’opposizione guidata da Peter Marki-Zay. Il premier ungherese conquista il quarto mandato di seguito, il suo partito Fidesz la maggioranza dei due terzi del Parlamento, per la terza volta consecutiva.

Secondo i risultati definitivi (al 99% dello spoglio) delle elezioni di domenica in Ungheria, Fidesz-Kdnp, il partito di Viktor Orban (cristiano-democratici), ha ottenuto il 53,1% delle preferenze (2,8 milioni voti), che si traducono in 135 seggi. Alleanza Uniti per l’Ungheria ha ottenuto il 35,04% (1,8 milioni voti), 56 seggi. Movimento della Patria (estrema destra) ha avuto il 6,2% (0,3 milioni voti), 7 seggi. Il Rappresentante della minoranza di lingua tedesca hanno 1 seggio. L’affluenza è stata del 69,54%. Dati riportati da Ansa.

Nonostante l’isolamento sempre più marcato in Europa per la sua vicinanza a Putin, il suo rifiuto di mandare armi in Ucraina, la sua opposizione a un embargo energetico contro la Russia, scrive Repubblica, Orban è riuscito a imporsi su sei partiti che per la prima volta avevano unito le forze per sconfiggere l’immarcescibile primo ministro in carica dal 29 maggio 2010.

Putin si congratula con Orban: “Rafforzare le relazioni”

Non poteva non arrivare il messaggio del presidente russo Vladimir Putin che si è prontamente congratulato con il premier Orban per la schiacciante vittoria del suo partito alle elezioni parlamentari in Ungheria. Putin – secondo quanto riportato da Tass e Interfax – ha detto di essere fiducioso che un ulteriore sviluppo delle relazioni bilaterali corrisponda pienamente agli interessi dei abitanti della Russia e dell’Ungheria.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.