Udienza 6 giugno: “Trump ha acceso la fiamma dei disordini a Capitol Hill”

Nella sua prima udienza pubblica, la commissione d'inchiesta sull'assalto al Campidoglio punta il dito contro l'ex presidente Usa Donald Trump che avrebbe acceso la fiamma del tentato golpe del 6 gennaio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:24
Il Congresso degli Stati Uniti, a Washington DC

Nella sua prima udienza pubblica, la commissione d’inchiesta sull’assalto al Campidoglio punta il dito contro l’ex presidente Usa Donald Trump che avrebbe acceso la fiamma del tentato golpe del 6 gennaio.

La Commissione ricorda agli americani quanto accaduto quel 6 giugno del 2021 con nuove immagini inedite – raccolte in un filmato di oltre 10 minuti – e con la testimonianza di una degli agenti feriti. Ma anche presentando spezzoni delle testimonianze raccolte a porte chiuse.

La diretta tv

La due ore in diretta tv si apre con il presidente della commissione di indagine sul 6 gennaio, Bennie Thompson. “Il 6 gennaio e le bugie che hanno portato all’insurrezione hanno messo due secoli e mezzo di democrazia a rischio. La nostra democrazia resta in pericolo. Il complotto” all’origine dell’assalto del 6 gennaio “non è finto”, dice Thompson descrivendo il 6 gennaio come un “tentato golpe”.

Nel 1814 il Campidoglio è stato assalito da una forza straniera”, ricorda Thompson. Il 6 gennaio è stato assalito da “nemici interni” su incoraggiamento di Trump, aggiunge prima di presentare la “patriota” e “amica” Liz Cheney, la nemica giurata dell’ex presidente. La deputata repubblicana spiega che Trump aveva un “sofisticato piano in sette punti” per capovolgere il voto e restare al potere. “Vedrete le prove su ogni punto del piano”, dice ricordando la pressione esercitata dall’ex presidente su Mike Pence affinché rifiutasse il conteggio dei voti elettorali.

Cheney presenta agli americani spezzoni delle testimonianze dell’ex ministro della Giustizia di Trump William Barr e della figlia Ivanka. “Ho avuto tre discussioni con il presidente Trump e gli ho detto chiaramente che non credevo che le elezioni fossero state rubate”, ha detto Barr alla commissione precisando di “aver detto ripetutamente” al tycoon che non vedeva prove di frode. “Rispetto Barr e ho accettato” quanto ha detto sulle elezioni, ovvero che non c’erano prove di Frode e che Trump aveva perso, ha messo in evidenza Ivanka.

A descrive quelle orribili ore oltre alle nuove immagini è stata Caroline Edwards, una delle agenti ferite. Ha raccontato “scene di guerra”, i “volti di quegli americani come lei” che l’hanno insultata. La sua testimonianza ha chiuso la prima udienza pubblica durata quasi due ore. E bollata dal portavoce di Donald Trump, Taylor Budowich come un “circo” non in grado di catturare l’attenzione pubblica. I democratici sanno bene che le udienze rischiano di ritorcersi contro di loro alle elezioni di novembre ma hanno scelto lo stesso di andare avanti e rischiare.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.