Ucraina: partita da Odessa la prima nave carica di grano

"La Russia sta probabilmente riassegnando un numero significativo delle sue forze dal settore settentrionale del Donbass all'Ucraina meridionale". Lo ha affermato il ministero della Difesa britannico nell'ultimo rapporto dell'intelligence

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:37

La prima spedizione di grano ucraino è partita dal porto di Odessa stamani alle 5.30 Gmt (le 7.30 in Italia). Lo fanno sapere le autorità turche. “La partenza della nave mercantile Razoni, battente bandiera della Sierra Leone e carica di mais, ha lasciato il porto di Odessa diretta in Libano”. Lo ha annunciato il ministero della Difesa turco in una nota, aggiungendo che seguiranno altri convogli “lungo i corridoi” marittimi, perché le “procedure sono completate”.

007 Gb: “Russia sta spostando forze dal Donbass a sud Ucraina”

“La Russia sta probabilmente riassegnando un numero significativo delle sue forze dal settore settentrionale del Donbass all’Ucraina meridionale”. Lo ha affermato il ministero della Difesa britannico nell’ultimo rapporto dell’intelligence.

“Negli ultimi quattro giorni, la Russia ha continuato a tentare assalti tattici sull’asse Bakhmut, a nord-est di Donetsk, riuscendo a fare solo dei progressi lenti – si legge -. La Russia sta probabilmente riaggiustando la sua offensiva nel Donbass dopo non essere riuscita a compiere un decisivo passo avanti in base al piano che aveva seguito da aprile”. Zaporizhzhia “è stata identificata come un’area vulnerabile che necessita di rinforzo”.

Bombardata Mykolaiv

La città ucraina di Mykolaiv, dove domenica sono rimasti uccisi in un bombardamento il tycoon ucraino Oleksiy Vadaturskyi e sua moglie Raisa Vadaturska, è stata di nuovo presa di mira nella notte dai bombardamenti russi. Il sindaco della città Oleksandr Sienkevych ha riferito che durante la notte del 1 agosto sono state udite esplosioni in varie parti della città.

Kiev: “Le perdite russe ammontano a oltre 41.000 morti”

“Le perdite totali in combattimento del nemico” russo “dal 24 febbraio al 1 agosto sono state approssimativamente pari a circa 41.030 persone”. L’aggiornamento del bollettino di guerra da parte dello Stato maggiore delle forze armate ucraine, riferisce Unian. In base alla stessa fonte sono stati distrutti 200 carri armati, 1.768 veicoli corazzati da combattimento, 117, aeroplani e 223, elicotteri.

300 persone date per disperse nella regione di Kiev

Circa 300 persone sono considerate disperse a causa delle ostilità nella regione di Kiev, mentre 216 corpi già rinvenuti devono ancora essere identificati. Lo ha annunciato il capo del dipartimento di polizia della regione di Kiev, Andriy Niebytov, riferisce Ukrinform. “Sono stati prelevati dei campioni di Dna. Spero che grazie alla collaborazione con i familiari saremo in grado di identificare questi corpi”, ha precisato. Niebytov ha aggiunto che mentre documentava i crimini di guerra commessi dai russi nella regione di Kiev, la polizia ha scoperto che molti residenti locali sono attualmente detenuti in Bielorussia.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.