Ucraina, nuove sanzioni Usa contro la Russia. Blinken: “Colpiamo gli oligarchi”

Blinken: "L'obiettivo è assicurare che chi propaga questa guerra non possa facilmente godere dell'opulenza mentre gli ucraini soffrono

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:24
sfollati
Kiev 04/03/2022 - guerra in Ucraina / foto Imago/Image nella foto: profughi ONLY ITALY

Con l’aumentare della durata e della violenza del conflitto in Ucraina, si allunga la lista degli oligarchi russi sui quali gli Usa hanno imposto delle sanzioni. Il dipartimento di Stato annunia ulteriori misure contro i membri del consiglio di amministrazione di Novikombak e ABR Management. Nel mirino degli Usa sono finiti Yuri Kovaluch, Kirill Kovaluch, Dmitri Lebedev e VladimirKnyagin di Abr Management. I quattro componenti del cda Novikombank colpiti sono la presidente Elena Georgieva, German Belous, Andrey Sapelin e Dmitri Vavulin.

Le dichiarazioni di Blinken

“Stiamo imponendo sanzioni agli oligarchi che sostengono l’ingiustificata guerra di Putin in Ucraina”, ha affermato il segretario di Stato Usa, Antony Blinken, sottolineando che l’obiettivo è assicurare che “chi propaga questa guerra non possa facilmente godere dell’opulenza mentre gli ucraini soffrono“.

La preoccupazione per gli attacchi ai civili

Nel frattempo, gli Stati Uniti sono sempre più preoccupati per i civili in Ucraina visto che la Russia sembra prendere di mira le infrastrutture critiche, come quelle per l’acqua potabile e l’elettricità, rendendo più difficile per i civili sopravvivere. In un cablogramma partito dall’ambasciata americana a Kiev, che porta la data dell’8 marzo, si esprime la preoccupazione per gli attacchi nelle aree civili: “molti dei corridoi umanitari restano bloccati“, si legge nel dispaccio riportato da Politico.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.