Ucraina, esplosioni a Zaporizhzhia. Missione Aiea alla centrale da mercoledì a sabato

La guerra in Ucraina giunge al 188esimo giorno ancora nel segno dei bombardamenti. Borrell: "Addestrare le forze ucraine, ora è il momento di agire"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:06
Ucraina
La centrale nucleare di Zaporizhzhia, a Kiev, in Ucraina

La guerra in Ucraina giunge al 188esimo giorno ancora nel segno dei bombardamenti. Le truppe ucraine hanno sfondato le difese russe in diversi settori della linea del fronte nei pressi della città di Kherson, nel sud dell’Ucraina. Lo ha riferito Oleksiy Arestovych, consigliere del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, dichiarando che le forze ucraine stanno bombardando i traghetti che la Federazione Russa sta usando per rifornire una sacca di territorio occupato lungo la riva occidentale del fiume Dnepr, nella regione di Kherson. Pesanti combattimenti sono in corso in “quasi tutto il territorio di Kherson”, ha reso noto la presidenza ucraina. L’Iran ha inviato la prima partita di droni militari alla Russia.

Esplosioni a Zaporizhzhia

La Russia ha attaccato Enerhodar, la cittadina ucraina che ospita la centrale nucleare di Zaporizhzhia, dove da mercoledì a sabato si svolgerà l’ispezione dell’Aiea.

Stamane due esplosioni sono state registrate vicino all’impianto di stoccaggio del combustibile esaurito della centrale nucleare di Zaporizhzhia: lo hanno reso noto oggi funzionari di Energodar, la cittadina che ospita l’impianto, secondo i quali si tratta di un attacco dell’esercito ucraino. Lo riporta la Tass, l’agenzia stampa russa, Secondo cui Kiev vorrebbe così minare la missione dell’Aiea alla centrale.

Missione Aiea a Zaporizhzhia da mercoledì a sabato

Intanto, la squadra della missione dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica diretta a Zaporizhzhia è a Kiev. Lo ha annunciato in un tweet il direttore dell’Aiea Rafael Mariano Grossi dichiarando che gli esperti visiteranno l’impianto da mercoledì a sabato. “Dobbiamo garantire la sicurezza e la protezione del più grande impianto nucleare dell’Ucraina e dell’Europa”, ha twittato Grossi che si trova con la missione.

La delegazione dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea) raggiungerà la centrale nucleare di Zaporizhzhia da Kiev e dai territori controllati dall’Ucraina. Lo ha detto all’agenzia di stampa Tass una fonte dell’Onu.

Borrell: “Addestrare le forze ucraine, ora è il momento di agire”

“Gli Stati membri hanno discusso l’ipotesi di una missione di addestramento per le forze ucraine sin da prima della guerra: ora è il momento di agire”. Lo ha detto Josep Borrell, alto rappresentante per la politica estera Ue, aprendo l’informale difesa in Praga.

“Certo, la Russia non sarà contenta come non è contenta del fatto che già forniamo all’Ucraina aiuti militari. La situazione sul terreno per l’Ucraina è ancora negativa, ha bisogno del nostro sostegno. Oggi non si deciderà niente, poiché si tratta di un vertice informale, ma credo che si debba avere un accordo politico, i dettagli potranno venire dopo. Ma spero che potremo avere la luce verde politica“, ha aggiunto Borrell.

Zelensky: “Ricacceremo i russi oltre il nostro confine”

“Gli occupanti russi devono saperlo: li cacceremo al confine. Al nostro confine, la cui linea non è cambiata”. Lo ha detto il presidente ucraino Zelensky nel consueto videomessaggio serale alla Nazione, aggiungendo: “Se non mi ascoltano se la vedranno con i nostri difensori, che non si fermeranno finché non libereranno tutto ciò che appartiene all’Ucraina. E non è una novità, lo diciamo da 187 giorni. Se vogliono sopravvivere, è tempo che i militari russi scappino. Tornino a casa. Se hanno paura di tornare a casa in Russia, si arrendano e garantiremo loro il rispetto di tutte le norme della Convenzione di Ginevra”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.