Canada, Trudeau al Papa: “Sugli indigeni le sue scuse hanno avuto un impatto enorme”

Il discorso del primo ministro del Canada, Justin Trudeau, durante l'incontro di papa Francesco alla "Citadelle de Quebec" con le autorità civili, le popolazioni indigene e il Corpo diplomatico

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:07
Il Primo Ministro canadese, Justin Trudeau, Papa Francesco e Mary May Simon, governatore del Canada, prima leader aborigena a ricoprire questa carica nel Paese

“Santo Padre, non c’è dubbio che lei abbia avuto un impatto enorme”. Lo ha detto il primo ministro del Canada, Justin Trudeau, durante l’incontro di papa Francesco alla “Citadelle de Quebec” con le autorità civili, le popolazioni indigene e il Corpo diplomatico.

Il discorso di Trudeau

“Nelle scuole residenziali, questi bambini erano soli e isolati nel loro dolore e dolore, lontani dalle loro famiglie e comunità. E peggio ancora, spogliati della loro lingua, della loro cultura, della loro identità. Una solitudine profonda: una perdita non solo della famiglia e della comunità, ma della loro lingua, la loro cultura e identità”.

“Dal rilascio del rapporto finale della Commissione per la verità e la riconciliazione nel 2015, le First Nations, gli Inuit e i Métis chiedono al Papa di scusarsi con i sopravvissuti, le loro famiglie e comunità”, ha ricordato Trudeau. “Scuse per il ruolo che la Chiesa Cattolica Romana, come istituzione, ha svolto nei maltrattamenti spirituali, culturali, emotivi, fisici e sessuali che i bambini aborigeni hanno sofferto nelle scuole residenziali gestite dalla Chiesa”.

Secondo il premier canadese, “l’evento di questa settimana a Maskwacis non sarebbe stato possibile senza il coraggio e la perseveranza dei sopravvissuti che hanno condiviso i loro ricordi dolorosi e raccontato le loro esperienze, anche direttamente al Santo Padre stesso”.

“Santità – ha proseguito -, nelle nostre conversazioni precedenti, fin dalla prima volta che ne abbiamo parlato, ci ha sempre offerto il suo tempo, cercando genuinamente di capire, di fare il bene e di espiare. Questa settimana hai riconosciuto gli abusi subiti nelle scuole residenziali che hanno portato alla distruzione culturale, alla perdita di vite umane e ai traumi in corso vissuti dai popoli indigeni in ogni regione di questo paese”.

“Come ha detto Vostra Santità – ha aggiunto Trudeau -, chiedere perdono non è la fine della questione, è un punto di partenza, un primo passo. Lunedì mattina, mi sono seduto con i sopravvissuti e ho sentito le loro reazioni alle sue scuse. Ciascuno ne trarrà ciò di cui ha bisogno. Ma non c’è dubbio che lei abbia avuto un impatto enorme. I sopravvissuti e i loro discendenti devono essere al centro di tutto ciò che facciamo insieme in futuro”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.