Trovato morto in casa a Roma l’attore Roberto Brunetti

L'attore romano Roberto Brunetti, classe 1967, conosciuto con il soprannome "er Patata", è stato trovato morto nella sua abitazione a Roma

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:06
Roberto Brunetti (fonte: Twitter)

L’attore romano Roberto Brunetti, classe 1967, conosciuto a Roma e non solo con il soprannome “er Patata”, è stato trovato morto nella sua abitazione a Roma. Ieri sera, intorno alle 22:30, la polizia di San Lorenzo di Roma ha trovato il 55enne morto, sdraiato supino sul letto, nella sua casa in via Arduino. Le forze dell’ordine non hanno notato segni di violenza sul corpo o di effrazione in casa.

In passato l’attore aveva lavorato in diverse commedie dirette Leonardo Pieraccioni e Neri Parenti. Esordì al cinema nel 1997, con “Fuochi d’Artificio” di Leonardo Pieraccioni e, fino al 2012, ha partecipato a dieci film, tra cui “Paparazzi”, “Commedia sexy”, “Il ritorno del Monnezza”.

Il suo ruolo più importante però, arriva in un film di altro tenore: interpreta Aldo Buffoni in “Romanzo Criminale”. Per tanti anni legato sentimentalmente alla collega Monica Scattini, morta nel 2015 per un melanoma, una delle ultime interviste rilasciate alla tv aveva raccontato della sua carriera che, scrive Repubblica, “dopo tante soddisfazioni stentava a ripartire”.

A dare l’allarme l’attuale compagna ed alcuni conoscenti che non lo sentivano almeno da giovedì sera, ovvero da quando per l’ultima volta, si era collegato a whatsapp. Il corpo è stato messo a disposizione dell’autorità giudiziaria mentre in casa sembra sia stata rinvenuta della droga: sul tavolo di una stanza, riporta Il Messaggero, sembra siano stati trovato residui di cocaina e due panetti di hashish. Le indagini sono degli agenti del Salario.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.