Terremoto 2016: Draghi depone una corona d’alloro ad Amatrice

Presenti alla cerimonia rappresentanti delle istituzioni, il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio e i parenti delle vittime.

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:28
Il premier Mario Draghi depone una corona d'alloro ad Amatrice (Fonte: Repubblica)

Il presidente del Consiglio Draghi ha deposto una corona d’alloro al monumento per le vittime del terremoto ad Amatrice, distrutta dalla scossa di magnitudo 6 la notte del 24 agosto 2016. Il sisma che colpì Marche, Umbria e Lazio fece 303 morti, di cui 237 nella sola Amatrice.

Qualche secondo di raccoglimento ad occhi chiusi per il presidente del Consiglio arrivato in elicottero per partecipare alla messa nel campo sportivo prima di rientrare a Roma per il G7 convocato d’urgenza per trovare una linea comune con la Ue sulla crisi Afghana.

Presenti alla cerimonia rappresentanti delle istituzioni, il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio e i parenti delle vittime.

Dopo la cerimonia, il vescovo di Rieti, Domenico Pompili, ha celebrato una messa in suffragio delle vittime [qui l’intervista al Vescovo per i tre anni dal terremoto, ndr]. Accanto all’altare – riporta l’inviata di Repubblica – ci sono gli stendardi di molti comuni e, dall’altro lato il coro vestito di nero che ha aperto la cerimonia con l’Alleluia.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.