Strage del Mottarone: al via gli interrogatori dei tre fermati

Sarà il gip Donatella Banci Buonamici a dover decidere sulla convalida e sull'eventuale misura cautelare per Tadini, Nerini e Perocchio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:30

Sono iniziati gli interrogatori delle tre persone che sono state fermate mercoledì scorso per l’incidente della funivia del Mottarone che ha causato domenica scorsa 14 morti, tra cui due bambini, e un ferito grave, il piccolo Eitan di 5 anni che, dopo un periodo in cui era stato sedato, è stato svegliato dai medici. Ora per lui inizierà un lungo periodo di riabilitazione, assistito dalla zia e dalla nonna.

Gli interrogatori

Il primo ad essere ascoltato dagli inquirenti è il caposervizio dell’impianto, Gabriele Tadini, difeso dal legale Marcello Perillo, che già nella sera di martedì ha reso le prime ammissioni spiegando di aver deciso lui di piazzare e mantenere i forchettoni sulle ganasce che hanno disattivato il sistema frenante di emergenza che non è scattato quando il cavo traente si è spezzato. E lo avrebbe fatto, come avrebbe dichiarato, quasi “abitualmente” nell’ultimo mese, per evitare blocchi della cabinovia dovuti alle anomalie dei freni.

Dopo Tadini, saranno sentiti il gestore Luigi Nerini (avvocato Pasquale Pantano) e il direttore di esercizio Enrico Perocchio (legale Andrea Da Prato), che saranno interrogati subito dopo.

Le decisioni

Sarà il gip Donatella Banci Buonamici a dover decidere sulla convalida e sull’eventuale misura cautelare. Per la Procura ci sono tutte le esigenze cautelari: pericolo di fuga, di reiterazione del reato e di inquinamento probatorio.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.