Stop mascherine all’aperto: oggi la decisione del Cts

Da oggi in vigore l'ordinanza del ministro Speranza che impone la quarantena di cinque giorni a chi arriva dal Regno Unito

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:27

Potrebbe essere il 28 giugno il giorno in cui l’Italia, tutta in zona bianca, potrebbe dire addio alle mascherine all’aperto. E’ quanto riporta l’Ansa, citando fonti qualificate. Una data su cui dovrà ragionare e raggiungere un verdetto il Comitato Tecnico scientifico che si riunisce oggi. Ma la data potrebbe slittare di una settimana, ossia al 5 luglio.

La riunione del Cts

Come riporta l’Ansa, i 12 membri del Cts si riuniranno oggi e dovranno giungere a una sintesi e decidere o per il 28 giugno o se far slittare lo stop delle mascherine all’aperto al 5 luglio, una via più prudente anche alla luce del rischio varianti.

Via il coprifuoco

Nel frattempo, scade oggi in tutta Italia la misura del coprifuoco, che incide però solo nella gialla Valle D’Aosta, poiché anche Basilicata, Calabria, Campania, Marche, Provincia di Bolzano, Sicilia e Toscana entrano in zona bianca, dove non sono previsti orari per il rientro a casa. Dovrebbe inoltre essere sciolta a breve la riserva sull’apertura delle discoteche, che dovrebbero poter ripartire dagli inizi di luglio e sicuramente con l’obbligo del green pass. 

Il green pass

Inoltre, sarà operativo dal prossimo 28 giugno l’utilizzo del cosiddetto green pass – il certificato verde per chi ha completato la vaccinazione, o è guarito dal covid, o ha eseguito un tampone – che entrerà in vigore, a livello europeo, dal prossimo 1 luglio. Sarà possibile ottenere il Qr Code attraverso l’app Immuni, oppure stampandolo in farmacia o con il supporto del medico di base.

La quarantena per chi arriva dal Regno Unito

Entra oggi in vigore, l’ordinanza del ministero della Salute, Roberto Speranza, che obbliga chi arriva dal Regno Unito a sottoporsi a una quarantena di cinque giorni. Questo perché nel Paese guidato da Boris Johnson sta dilagando la variante Delta.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.